”Soccorso rosso” carioca: libero il terrorista Cesare Battisti

Terrorismo

SCHIAFFO ALL’ITALIA

“Noi, vittime del terrorista Battisti
Siamo state umiliate due volte”

Alberto Torregiani rimase paralizzato quando morì il padre Pierluigi: “Leggi troppo permissive”

MILANO — LA VOCE di chi è vittima e insieme figlio di una vittima. Di chi ha metabolizzato l’odio e il rancore. Alberto Torregiani ha 44 anni. Vive su una carrozzella dal febbraio 1979, quando venne raggiunto dall’unico colpo sparato per difesa dal padre Pierluigi, ucciso da Cesare Battisti in una rapina nella sua oreficeria di Milano.
(altro…)

Se si sospendono le cure ai neonati prematuri…

Terrorismo

I cittadini più discriminati

Insomma, su molte riviste mediche ci si sta domandando perché il modo di trattare i neonati sia diverso da quello degli altri pazienti, quasi che i primi abbiano uno status differente. Infatti nessun adulto si vedrebbe sospendere le cure se la prognosi non fosse certa, e nessuno penserebbe di non provare ad assisterlo se le possibilità di successo fossero le stesse dei bambini prematuri. Nessuno infine penserebbe di non rianimare un adulto per "alleggerire" il peso ai familiari. Almeno per ora…

di Carlo Bellieni

 

(altro…)

ORISSA: la violenza continua. Ma chi interviene?

Terrorismo

Continua il martirio dei cristiani in Orissa

Due tribali cristiani, un padre e suo figlio di 15 anni, sono stati uccisi da un gruppo di estremisti indù nella notte fra il 2 e il 3 ottobre nel villaggio di Sindhupanka. Lalji Nayak, torturato per costringerlo ad abbandonare la sua fede cristiana, è morto dopo aver rifiutato, a causa delle ferite riportate. Una madre di famiglia è stata uccisa e almeno 300 case di cristiani sono state bruciate nel distretto di Kandhamal (Orissa) a oltre un mese dal pogrom contro i cristiani, lanciato da organizzazioni indù fondamentaliste.
Mons. Agnelo Gracias vescovo ausiliare di Bombay, analizza, in un interessante articolo, le verità e le menzogne dietro alle violenze contro le comunità cristiane in Orissa e in altri Stati.

(altro…)

Orissa: i leader del mondo devono condannare questo attacco ai cristiani

Terrorismo

P. Edward, scampato al rogo in Orissa: I radicali indù sono terroristi

\"\"

P. Edward Sequeira è fra le vittime delle violenze dei fondamentalisti nell’Orissa. Solo per miracolo si è salvato dal rogo del suo orfanotrofio, dove è morta carbonizzata la sua collaboratrice, Rajni Majhi. Ricoverato ora a Mumbai, in cura intensiva, ha accettato di parlare con AsiaNews. Per il sacerdote, occorre una condanna internazionale contro il mancato rispetto dei diritti umani e della libertà religiosa che domina nell’India rurale. Il commento di p. Bernardo Cervelliera: La "vergogna" è che i cristiani dell\’India… vengono massacrati, mentre governi mondiali e associazioni umanitarie tacciono…

 

(altro…)