Gender: dalla Romania una lezione ai pro-family italiani

Dal mondo,Gender diktat
Il senatore rumeno di centro-destra Vasile Cristian Lungu, durante un incontro anti-comunista

Dopo Russia, Ungheria, Rep. Ceca e Polonia, anche la Romania adotta una legge
– in difesa della famiglia naturale e
– di protezione delle persone eterosessuali.

Quanto accade in Romania ci tocca, se non atro perché – con oltre 1.200.000 persone – si tratta della comunità di stranieri più numerosa nel nostro paese.
Come gli albanesi (450.000) sono persone vissute per decenni sotto il terrore social-comunista: parlano poco, non si fanno notare, ottengono dai nostri vescovi luoghi di culto dedicati e… hanno fiuto per ciò che sa di totalitarismo.

L’antefatto: la Romania non prevede alcuna forma di riconoscimento nei confronti delle coppie dello stesso sesso.
La novità: la Romania ha approvato una proposta di legge che proibisce l’insegnamento del gender nelle proprie istituzioni scolastiche e universitarie.
Con la nuova normativa, si elimina anche l’educazione sessuale dalle scuole di qualsiasi ordine e grado: il testo proibisce in modo esplicito qualsiasi riferimento a sesso o genere dentro le istituzioni scolastiche.

Forti le reazioni:
– dai docenti di cultura socialista (vedi qui per l’assemblea dei rettori).
– dal Capo dello Stato Iohannis, un pavido moderato, che ha presentato un quesito alla Corte Costituzionale.

Alla base dell’intervento legislativo in questione vi è la constatazione che tali studi sono uno strumento di propaganda politica: “Il mio emendamento cerca di fermare un’ideologia marxista tossica per lo sviluppo dei bambini. Secondo questa ideologia, il sesso biologico non può definire un bambino come uomo o donna, e quindi il bambino è costretto a decidere tra i 114 generi inventati dai sostenitori di questa teoria” (Sen. Vasile Cristian Lungu, vedi qui).
Il Sen. Lungu e l’On. Emil-Marius Pascan sono conservatori e anticomunisti, esponenti del centro-destra attualmente all’opposizione.

In quanto pro-family italiani, dovremmo chiederci:
come è stato possibile che due parlamentari dell’opposizione
siano riusciti a far approvare un emendamento che modifica tutta la legislazione scolastica di uno Stato?

  1. A differenza che da noi, gran parte degli esponenti delle 47 associazioni pro-family locali sono intransigenti: ciò è possibile perché quasi tutti hanno un lavoro, non cercano di arricchirsi con le donazioni dei pro-family né ambiscono a una poltroncina: pertanto, non sono leccapiedi dei partiti ma, anzi, esercitano su di essi un controllo ferreo.
  2. A differenza che da noi, la ricostituita Chiesa Ortodossa (autocefala) è molto dedita a Dio e alla liturgia, contando su 12.000 sacerdoti (uno ogni 1.500 abitanti).
    I preti son per gran parte sposati (che non è una bella cosa) e hanno figli: pertanto, danno priorità alla difesa della famiglia.
  3. Come da noi, anche in Romania non c’è più una Sfântă tinereţe, ma il 50% della popolazione è rurale, le città non han più di 300.000 abitanti e solo 3 sono marittime.

Se sui punti 2 e 3 possiamo far poco, sul primo punto dovremmo fare un bel repulisti generale: facciamoci sentire!

David Botti

fonti: https://www.qmagazine.ro/senatorul-cristian-lungu-a-oprit-ideologia-de-gen-in-scoliam-locuit-in-sua-sub-obama-a-fost-sustinuta-fortat-in-scoli-s-a-ajuns-la-aberatii/
https://vasilecristianlungu.ro/ideologia-de-gen/
https://euobserver.com/social/148762
https://www.balcanicaucaso.org/aree/Romania/La-famiglia-naturale-va-in-franchising-191470

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *