La guerra dopo la guerra

Socialismo

Criticato o lodato da ambienti di sinistra o di destra, il libro di Mini ha la caratteristica di tutti i libri scritti da liberi pensatori: disturba l’establishment, i conservatori, i fedeli della Chiesa di Clausewitz, la linearità dei processi decisionali. Mini non nega i principi occidentali dell’arte della guerra ma li mette a confronto con quelli orientali, col mondo arabo, con il fenomento terroristico, con la contemporaneità degli eventi.

(altro…)

A chi interessa tanto fumo?

Vita: politiche di bioetica

Fecondazione: Dati mascherati. A proposito della «crudeltà» di una legge che arbitrariamente imporrebbe di limitare a tre gli embrioni da trasferire nel corpo materno, riducendo in tal modo le possibilità di ottenere una gravidanza, è singolare come nel dibattito di questi mesi siano passate sotto totale silenzio le ragioni mediche di questa scelta.

(altro…)

Bush non cambia affatto dottrina

Senza categoria

Chi crede che il fallimento dei servizi segreti internazionali sulle armi di Saddam Hussein abbia convinto George W. Bush ad abbandonare la sua dottrina post 11 settembre, cioè agire con risolutezza prima che la minaccia terroristica diventi imminente e promuovere la democrazia in Medio Oriente a fini di sicurezza nazionale, rischia di non aver capito né la natura dell’attuale Amministrazione americana né la sua politica estera e di sicurezza.

(altro…)