Inizia la battaglia contro il gay pride all’asilo di Bologna

1 CommentoFamiglia: politiche familiari,Gender diktat

Dopo
– quasi due mesi dai fatti,
– molte dichiarazioni alla stampa,
– enorme eco mass-mediatica,
– due interrogazioni al Parlamento (buone nello spirito, ma imperfette quanto alla normativa),
un coraggioso consigliere comunale di Casalecchio di R. (Mauro Muratori – Lega Nord) ha finalmente presentato una puntuale «Interrogazione a risposta scritta» al Sindaco Massimo Bosso.

Per una sintetica descrizione di quanto accaduto si rimanda a: https://www.osservatoriogender.it/bologna-a-scuola-di-gay-pride/
Per un inquadramento nel contesto geografico-storico e normativo:
https://www.osservatoriogender.it/il-gay-pride-allasilo-di-bologna-cosa-bolle-in-pentola/.

E’ facile immaginare che la risposta del Sindaco PD – principale responsabile di fronte alla legge – negherà i fatti e si giustificherà facendo appello alla prevenzione della violenza di genere, all’accettazione delle diversità, alla necessità di costruire cittadini per una “società plurale e aperta”.
Al di là di queste solite motivazioni, si ritiene che il testo dell’interrogazione presentata dal consigliere Muratori sia esemplare quanto ad accuratezza e riferimenti alla normativa del c.d. «Sistema 0-6».
Lo si può scaricare all’indirizzo:  www.fattisentire.org/db/20180803_Interrogazione_Balenido_Muratori_LN.pdf

Certamente l’”Interrogazione” è solo un primo passo, ma è un passo fatto bene che può permettere di portare il tema all’attenzione del Consiglio Regionale e quindi in Parlamento, ai Ministri degli Affari regionali e Autonomie, dell’Istruzione e della Famiglia.
Si ripropone perciò il testo dell’Interrogazione per esteso, certi che possa essere di grande utilità a tutti coloro che si occupano di difendere i bambini dal gender.

_____

 

Casalecchio di Reno, 03 agosto 2018

Interrogazione a risposta scritta
Al Sindaco del Comune di Casalecchio di Reno (BO) e Sindaco dell’Unione Valli del Reno Lavino Samoggia

 

Premesso che:

  • Il 6 luglio scorso – nel centro estivo per bambini dagli zero ai sei anni di Casalecchio di Reno gestito dalla Cooperativa convenzionata “Dolce” – delle educatrici hanno svolto alcune attività così riportate dalle stesse su un “diario”: «Ci siamo dipinti la faccia coi colori dell’arcobaleno per festeggiare insieme il Gay Pride, viva l’amore!» (1).
  • Nella stessa occasione le educatrici hanno letto ai bambini due testi dal titolo “Buongiorno postino” e “Piccolo Uovo”, testi comunemente classificati dagli specialisti come portatori della ideologia gender (2).
  • Alcuni genitori si sono rivolti al collega Tonelli documentando l’accaduto con fotografie e denunciando di «non essere stati avvertiti e di non aver gradito» (3).
  • Il 18 luglio il Sindaco di Casalecchio di Reno, assieme al Presidente della Cooperativa Dolce, hanno tenuto una conferenza stampa che sembra non sia stata annunciata sul sito del Comune né in quello della Cooperativa (4).
  • In un’intervista-video rilasciata al periodico Bolognatoday successivamente a tale conferenza stampa il Presidente della cooperativa ha affermato «è usuale per noi, ogni giorno, trasmettere attraverso un diario alle famiglie ciò che si fa all’interno del nido […] noi non dobbiamo cambiare linea» (5).
  • Nell’ambito della medesima intervista lei ha affermato «il problema è stato di comunicare alle famiglie quella che era l’attività» (6).
  • La Legge Regionale n° 19 del 25/11/16 definisce i nidi d’infanzia come servizi «che concorrono con le famiglie alla crescita e formazione dei bambini» (art. 2); stabilisce che i soggetti gestori assicurino «la massima trasparenza nella gestione dei servizi e prevedono la partecipazione necessaria dei genitori utenti alle scelte educative […] assicurano inoltre la partecipazione delle famiglie» (art. 8); prevede che ai fini dell’autorizzazione al funzionamento dei nidi i soggetti gestori debbano «attuare, nel rapporto con gli utenti, le condizioni di trasparenza e partecipazione delle famiglie di cui all’articolo 8» (art. 16); dispone che «la valutazione della qualità, ai fini dell’accreditamento, richiede che i servizi pubblici e privati […] attuino […] le condizioni di trasparenza e partecipazione delle famiglie di cui all’articolo 8» (art. 18); determina come prima competenza del personale la capacità di «relazione con le famiglie» (art. 29) e anche quando il lavoro sia collegiale o di gruppo intima una «stretta collaborazione con le famiglie» (art. 30); attribuisce ai compiti della delicatissima figura del coordinatore pedagogico il supporto agli educatori nella «collaborazione con le famiglie» (art. 32) [nota 7].
  • Il Decreto Legislativo n° 65 del 13/4/17 stabilisce che l’istituendo “Sistema integrato di educazione e di istruzione” «sostiene la primaria funzione educativa delle famiglie» (art. 1, Principi e finalità); che i nidi «concorrono con le famiglie» all’educazione e che i «servizi educativi per l’infanzia sono gestiti dagli Enti locali in forma diretta o indiretta» e che gli stessi «autorizzano, accreditano, vigilano sugli stessi», «realizzano attività di monitoraggio» sempre in considerazione della «primaria responsabilità educativa» della famiglia (art. 2) [nota 8].
  • Il “Regolamento dei servizi per l’infanzia” deliberato dal Consiglio Comunale il 14/4/11 assicura tra le Finalità che «L’Amministrazione Comunale garantisce la massima informazione sulle regole di accesso, sulle caratteristiche, le finalità dei servizi e sulle attività che vi si svolgono; promuove la partecipazione delle famiglie alle scelte educative; assicura la massima trasparenza nella gestione dei servizi adottando la “Carta dei Servizi”» (9).
  • La “Carta del servizio Nido d’infanzia” approvata dalla Giunta il 27/1/09 e presente sul sito dell’Amministrazione alla data dei fatti, indica come finalità l’«integrare l’esperienza educativa della famiglia, garantendo […] confronto per i genitori con gli operatori comunali […]. Il servizio […] opera in rapporto costante con la famiglia» (art. 3), prevedendo tra gli indicatori di qualità del percorso pedagogico la «condivisione dei percorso con le famiglie che vengono informate della programmazione educativa» (art. 5) [10].

 

Per sapere,

  • Se sia a conoscenza dei fatti rappresentati nel “diario” e se abbia visto le fotografie;
  • Se sia a conoscenza che i due testi menzionati nel “diario” sono stati ritirati dai nidi e scuole da altre amministrazioni e sono oggetto di continui contrasti e contestazioni; [11]
  • Se ritenga il “non gradimento” di quanto accaduto da parte dei genitori una prevaricazione di diritti altrui ovvero l’espressione di un diritto naturale primario dei genitori stessi;
  • Se corrisponde al vero che la conferenza stampa non è stata annunciata alla cittadinanza né ai genitori e, in caso affermativo, quali ne siano le ragioni;
  • Se quanto dichiarato dopo la conferenza stampa dal Presidente della Cooperativa Dolce – ossia l’aver informato le famiglie dopo i fatti – sia una prassi valida sia per i pasti dei bambini e altre attività di routine, sia per le attività pedagogiche che toccano temi eticamente sensibili;
  • Se la risposta da lei data alla giornalista debba intendersi come “va bene diffondere l’ideologia gender ma non si deve dirlo alla famiglia”;
  • Se il “festeggiare insieme il gay pride” e lettura di testi intesi alla diffusione dell’ideologia gender siano stato preventivamente concordati dagli educatori con il coordinatore pedagogico e con il coordinamento pedagogico dell’Unione;
  • Se è del parere che la Legge Regionale 19/2016 sia stata rispettata ovvero che quanto sopra citato siano aspetti secondari e trascurabili della stessa;
  • Se ritiene che il disposto dal D.lgs 65/2017 circa la gestione da parte degli Enti locali implichi che la funzione educativa della famiglia debba essere subordinata oppure concordata con il parere dell’Amministrazione comunale, regionale o nazionale;
  • Se esista documentazione della preventiva informazione ai genitori sul “festeggiare insieme il gay pride” come previsto sia dal Regolamento Comunale del 14/4/11, sia dalla Carta dei Servizi sopra citati in tema di “partecipazione” e “massima trasparenza”;

Cons. Mauro Muratori
tel. 800 011 837 / 051 598 111 int. 9139 – fax 051 598 200 – leganord@comune.casalecchio.bo.it

 

Note e Fonti

(1) Cfr. www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/gay-pride-bambini-festa-1.4034535

(2) Cfr. la fotografia presente in www.radiocittadelcapo.it/archives/gay-pride-ecco-perchee-giusto-festeggiarlo-anche-allasilo-194390/. E’ significativo che oltre ai siti cattolici, persino un sito social-comunista come radiocittàdelcapo senta il bisogno di smentire che quei testi veicolino l’ideologia gender.

(3) Cfr. www.bolognatoday.it/cronaca/gay-pride-asilo.html

(4) I siti www.comune.casalecchio.bo.it  e www.societadolce.it  sono stati controllati il 24/7/2018

(5) Trascrizione del video-intervista di bolognatoday, citato.

(6) Idem. La frase intera, comprensiva di un errore di grammatica, è questa: «c’è stata, secondo me, una sottovalutazione di mettere nei diari dei bambini […] una paginetta con su scritto gay preid che […] ha dato […] un’immagine […] sbagliata. Questo è un errore di comunicazione rispetto alle famiglie. Quindi il problema è stato di comunicare alle famiglie quella che era l’attività, che in realtà è stata variegata e non riguardava solo quella educazione alle diversità di genere».

(7) Cfr. http://salute.regione.emiliaromagna.it/documentazione/leggi/regionali/leggi/legge-regionale-n-19-2016/

(8) Cfr. http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/06/22/17G00087/sg

(9) Cfr. https://www.comune.casalecchio.bo.it/upload/casalecchiodireno_ecm6/gestionedocumentale/Regolamento%20nidi_aprile%202011_784_8043.pdf

(10) Cfr. https://www.comune.casalecchio.bo.it/contenuto/contenuti–ecm/servizi-per-linfanzia-03.ashx

(11) Cfr., ad es., http://www.ticinonews.ch/curiosita/243568/venezia-la-protesta-dei-libri-proibiti  (Venezia)

Emilia-Romagna: il gender del PD messo all’angolo?

1 CommentoFamiglia: politiche familiari,Gender diktat

Un progetto denunciato da ogni schieramento. La prima denuncia all’Assemblea Legislativa Regionale della pericolosità di “W l’amore” è del 2015, da parte di sei consiglieri del Partito Democratico (1): a conferma che si tratta di qualcosa di aberrante. E’ bastato loro leggere lo scarso materiale del sito ufficiale www.wlamore.it per constatare che dietro ai soliti camuffamenti di lotta al bullismo, violenze di genere, stereotipi e prevenzioni siamo di fronte a un enorme tentativo di corruzione delle giovani generazioni.
I sei consiglieri – anche grazie all’appoggio alla Giunta del Movimento 5 Stelle – ottengono poco o nulla.
Nei mesi successivi, la protesta dei genitori si estende al punto che tutti partiti del centro-destra se ne fanno portavoce: Fratelli d’Italia (2), Lega (3) e Forza Italia (4).

La dittatura centralista della Regione a guida PD concede qualche piccolo ritocco, ma l’impianto del progetto resta immutato, così come il trucco di fondo: spacciare come sicuri e scientifici i progetti di “educazione all’affettività” portati nelle scuole dalle Aziende Sanitarie Locali e dai relativi Consultori e Spazi Giovani. Così come immutata resta la collaborazione con la Rete di associazioni bolognesi che si occupano di educazione al gender (www.attraversolospecchio.it).
Ancora oggi, dai pochi materiali messi online, si può verificare l’ossessiva attenzione verso l’omosessualità (che qua e là sembra quasi condannare gli eterosessuali), culminante nel famigerato volumetto “Sesso? Sicuro!” (5): una sorta di apologia del sesso di ogni tipo (con indicazioni per abortire e per la pillola “del giorno dopo”) da far arrossire una pornostar.
Pertanto, tutti gli allarmi (6) lanciati dagli specialisti del settore conservano attualità e, anzi, sono avvalorati dall’aumento esponenziale delle malattie a trasmissione sessuale che si sta verificando in Regione (7): più la Regione ha educato all’affettività, più i ragazzi sono a rischio MST.

(altro…)

Il guerriero per la libertà religiosa alla Corte Suprema

Lascia un commentoDal mondo,Libertà religiosa

Lo scopo del gender e di tutte le ideologie scatenate contro gli italiani, in fondo è sempre lo stesso: distruggere la fede cattolica.
E’ il grande tema della libertà per i cattolici: una notizia dagli USA porta speranza.

Brett M. Kavanaugh è stato scelto da Donald Trump quale nuovo giudice della Corte Suprema. I cattolici americani esultano.
E’ un “guerriero per la libertà religiosa” con un passato impeccabile.
Proviene dall’influente Federalist Society, fucina dei giudici conservatori americani.
Ora la parola spetta al Senato, nei primi giorni di ottobre
.

«Ha mantenuto la promessa. Ancora». Il soggetto è il presidente degli Stati Uniti d’America Donald J. Trump, l’argomento è la nomina del giudice Brett M. Kavanaugh per la Corte Suprema federale in sostituzione del dimissionario Anthony M. Kennedy e chi esulta, in una email agli iscritti, è Brian Burch, presidente di CatholicVote, una lobby nata per ricordare ai cattolici di votare sempre senza mai scordarsi di esserlo.

È un’esultanza giustificatissima. I conservatori, i cattolici stentano infatti a credere alle proprie orecchie. Trump, il Trump che tutti conosciamo, bighellone, gozzovigliatore, sciupafemmine, fantastiliardario ignorante come una capra, drogato di tivù e Twitter, collezionista di fallimenti economici, intrallazzone e già inciucista, non sta sbagliando un colpo sui princìpi non negoziabili.

Non lo avrebbe immaginato nessuno. Ci fu un punto di svolta, nella campagna elettorale del 2016, coincidente con la nomination presidenziale, in cui Trump cambiò rotta siglando patti espliciti con quei conservatori che aveva giurato di rottamare. I conservatori plaudirono, ma è ovvio che temessero di venire gabbati.

È invece successo il contrario, e gli effetti sono incalcolabili. Trump si affida costantemente ai conservatori, e fra i conservatori sceglie, in numeri sensibili, degli ottimi cattolici. Sì, perché anche Kavanaugh è cattolico, e non di quelli “adulti”.

(altro…)

Gender ai bimbi 0-6: non c’è solo l’asilo di Casalecchio

1 CommentoGender diktat

Bimbi a lezione al gay pride: la maestra è un travestito

Al gay pride 2018 di Milano la lettura di favole arcobaleno: «C’era una volta un mondo arcobaleno dove le donne si innamoravano delle donne e gli uomini degli uomini», inizia così il lavaggio del cervello patrocinato dal Comune di Milano..
E guai chi si oppone, è ‘omofobo’ e viene perseguitato dal sistema mediatico..
C’è anche un video: https://streamable.com/gyu78

Non è la prima volta: già nel 2014 bimbi di un asilo di Roma avevano subito il lavaggio del cervello secondo il quale gli etero-sessuali causano «il femminicidio, l’omofobia e il il bullismo». Il fallimento delle associazione pro-family che cercano il dialogo: https://www.iltempo.it/roma-capitale/2014/11/13/gallery/lezione-di-famiglie-gay-ai-bimbi-dellasilo-nido-959947/

Nel 2018, quattro anni dopo, continua la propaganda: gay pride all’asilo di Casalecchio di Reno (BO): https://www.osservatoriogender.it/il-gay-pride-allasilo-di-bologna-cosa-bolle-in-pentola/

(altro…)

Il politico arcobaleno e la libertà religiosa da calpestare

1 CommentoGender diktat

Più passa il tempo e la società «progredisce» secondo i loro desideri, più vengono allo scoperto.
Fino al punto da sostenere ufficialmente che quando c’è un conflitto tra la fede e l’ideologia LGBT , la seconda deve sconfiggere la prima

Inizialmente il movimento arcobaleno aveva assicurato che i «diritti gay» non avrebbero messo in pericolo la libertà religiosa e fior di radical chic erano andati sostenendo la stessa cosa, sebbene fosse evidente, oltre al disordine morale di quanto proposto (riconoscimento legale di unioni contronatura, adozione di bambini da parte di coppie dello stesso sesso, ecc.), la fallacia del ragionamento, visto che non esiste un diritto neutro.

Adesso non ci si pone più di tanto il problema di dissimulare, come dimostra da ultimo il caso dello speaker della Camera dei comuni, John Bercow, che il 4 luglio, a un ricevimento organizzato da Pink News, sito Internet che si occupa di propagandare le istanze dell’omosessualismo, ha affermato esplicitamente che i «diritti gay» devono avere la precedenza sulla libertà religiosa.

(altro…)

Quella moratoria sui princìpi non negoziabili

Lascia un commentoFamiglia: politiche familiari,Libertà religiosa,Partecipazione del cittadino,Vita: politiche di bioetica

L’astensione della Lega sulla proposta di istituzione di una nuova Commissione parlamentare sui diritti umani che si occupi anche di utero in affitto e cristiani perseguitati la dice lunga sul patto che rende possibile la sopravvivenza di questo governo.

di Tommaso Scandroglio

 

Prima delle elezioni i cattolici, almeno quelli che sanno riconoscere che ad esempio l’aborto è tematica moralmente più rilevante dell’immigrazione e che credere in Cristo è la libertà più importante di tutte, vivevano nell’angoscia pre-voto.
Chi votare tenendo fisso come criterio ispiratore la tutela dei principi non negoziabili?

(altro…)

Bologna, battaglia contro il gay pride

1 CommentoGender diktat

Sono ore infuocate quelle che precedono il 7 luglio, giorno del pride bolognese: il Partito Democratico e i 5 Stelle sembrano scatenati nel voler distruggere la famiglia naturale. Ma il centro-destra si ricompatta sui valori.

  1. Ricordiamo che ormai la lobby LGBT ha ottenuto tutti i diritti possibili e immaginabili: come si ricava dal documento politico, oggi lo scopo di ogni gay pride è ormai quello di far passare come normale ciò che il Catechismo definisce come contro-natura, di attaccare la famiglia, irridere la religione e così distruggere ciò che resta dell’identità occidentale e cristiana.
  2. Agli inizi di giugno vi era stata battaglia nei Comuni (Bologna, Modena, Parma e Reggio Emilia) su una legge regionale contro l’omotransfobia, trovando ferma opposizione da parte di tutto il centro-destra, in particolare del consigliere Bosco (Lega Nord Bologna), escluso de Biase (Insieme Bologna).
    (altro…)

Il fallimento del PdF e gli errori di prospettiva

2 CommentiFamiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino

L’abbandono del Popolo della Famiglia da parte di Gianfranco Amato, che aveva fondato il partito insieme a Mario Adinolfi, – oltre a confermare una facile previsione – ripropone una domanda sulla rappresentanza del popolo dei Family Day.
A cui si continua a dare una risposta sbagliata
.

di Riccardo Cascioli, per la Nuova Bussola Quotidiana

 

L’esperienza del Popolo della Famiglia è stata un fallimento; dopo il 4 marzo lo scenario politico è completamente cambiato e c’è bisogno di nuove forme di presenza politica; il primo passo è lavorare per ricostituire l’unità dei soggetti che hanno dato vita ai Family Day. Questa è in sintesi l’analisi che Gianfranco Amato, fondatore insieme a Mario Adinolfi del Popolo della Famiglia, ha condiviso ieri sul quotidiano La Verità per annunciare le sue dimissioni da quel partito.

Non è un fulmine a ciel sereno: dal 4 marzo molti e lunghi sono stati i silenzi di Amato e svariati i segnali di un disagio nei confronti del PdF e del surreale trionfalismo di Adinolfi a fronte di un misero 0,7% uscito dalle urne. Non commentiamo la decisione di Amato né le ovvie e immediate polemiche che si sono scatenate sui social, né gli insulti al suo indirizzo dall’ormai ex compagno d’avventura Adinolfi.

C’è però qualcosa che stona nell’analisi di Amato: non si può rivendicare come giusta la scelta di due anni fa e attribuire agli scenari usciti dal 4 marzo il necessario cambiamento di strategia quando già allora c’era chi aveva previsto come sarebbe andata a finire, e soprattutto la dilapidazione del tesoro accumulato con i Family Day.
Allora parlammo di errore di metodo e di contenuto, e di nodi che sarebbero prima o poi venuti al pettine: fummo criticati anche da chi è diventato in questo tempo un acceso denigratore del PdF.

(altro…)

Non festeggiamo i 70 anni della Costituzione

Lascia un commentoLa cappa ideologica

E’ grazie alla Costituzione che è stato possibile approvare divorzio, aborto, fivet, unioni civili e le altre schifezze. La priorità della persona, stabilita dalla Costituzione, non è la priorità del diritto naturale sull’ordinamento giuridico positivo, ma la priorità della volontà della persona cui l’ordinamento giuridico positivo è subordinato.

Intervista di don Samuele Cecotti al prof. Danilo Castellano nel 70mo anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione italiana.

—–

Ricorrono quest’anno, 2018, i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione repubblicana dell’Italia. Testo elaborato dall’Assemblea Costituente come compromesso parlamentare tra le principali forze politiche del tempo e promulgato dal Capo provvisorio dello Stato avv. Enrico De Nicola il 27 settembre 1947. Entrò in vigore il 1 gennaio 1948. La Carta costituzionale della Repubblica italiana, per l’importanza giuocata nel riplasmare l’Italia uscita dalla Seconda guerra mondiale sino ad oggi, costituisce oggetto di interesse ben oltre i confini dei soli studi del diritto positivo.

Determinante nel mutamento di fondamentali istituti giuridici e della visione comune su persona, famiglia, vita, autorità ecc., la Costituzione repubblicana non può sottrarsi ad un giudizio “cattolico”, ovvero condotto alla luce del diritto naturale classicamente inteso e della Dottrina sociale della Chiesa. Ne abbiamo parlato con il prof. Danilo Castellano, filosofo del diritto noto a livello internazionale, ordinario di filosofia politica e già Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Udine.

Professore, quest’anno ricorrono i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione repubblicana. I cattolici italiani, secondo lei, hanno ragioni per festeggiare?

Ritengo che i cattolici non abbiano motivo alcuno per festeggiare questo anniversario. La Costituzione repubblicana dell’Italia, infatti, è stata (e rimane) la via per l’affermazione della ideologia radicale, vale a dire del liberalismo come Weltanschauung anticattolica.

(altro…)