Orchi rossi + LGBT: il cancro Bibbiano si diffonde fino a… Bologna?

Famiglia: politiche familiari,Gender diktat,Socialismo

Il consigliere comunale Marco Lisei capogruppo di Forza Italia a Bologna ha ascoltato l’appello di fattisentire.org lo scorso 5 luglio  presentando un’interrogazione intesa a capire se il fenomeno della sottrazione di minori per affidarli a coppie LGBT riguarda anche Bologna.
Il risultato riassunto dal Carlino del 26 luglio è clamoroso.

  1. In una conferenza stampa tenuta assieme all’Onorevole Galeazzo Bignami si è reso noto che «alla data del 16 luglio scorso [gli affidi] erano 78 […] Numero già superiore, e siamo solo a metà anno, a quelli raggiunti alla data del 31 dicembre degli anni scorsi».
  2. Proseguono i due esponenti di Forza Italia: «E non ci rassicura neppure che in due circostanze gli affidi siano a coppie dello stesso sesso, così come le collaborazioni esistenti con il mondo Lgbt da parte dei servizi sociali».
  3. A questi allarmanti indizi sono da aggiungere «contatti con i servizi sociali dei Comuni della Val d’Enza per la gestione di alcuni minori [Il Comune] ha affidato interventi di supervisione ai gruppi di lavoro al centro Hansel e Gretel».

Mentre auspichiamo un doveroso esposto alla Magistratura, rinnoviamo l’invito a presentare interrogazioni e mozioni nei singoli consigli comunali dell’Emilia-Romagna.
Infatti, da alcune indiscrezioni, la Commissione d’Inchiesta Regionale (fortemente voluta dalla Lega ma istituita la notte dell’approvazione della legge eterofoba e liberticida) non sembra presentare le necessarie caratteristiche di apartiticità.

FattiSentire.org
Bologna, 29/7/2019

Un commento su “1”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *