Esponenti politici: riconoscere chi vuol distruggere la nostra identità

Famiglia: coppie di fatto

Gli impegni del politico secondo l’Arcigay

L’Arcigay stila un elenco di promesse elettorali che ogni candidato meritevole del voto dei gay dovrebbe fare proprie.  Le riportiamo qui di seguito:

1 – MATRIMONIO PER TUTT* L’estensione dell’istituto del matrimonio civile a tutte le coppie, omosessuali e eterosessuali, così come accade in moltissimi Paesi nel mondo, superando l’idea discriminatoria di un istituto ad hoc per le coppie formate da persone dello stesso sesso.

2 – ADOZIONI PER SINGLE E COPPIE DELLO STESSO SESSO La riforma della legge 184 del 1983 sulle adozioni, affinché, tenendo al centro l’interesse primario del minore, sia resa possibile l’adozione per i single e le coppie formate da persone dello stesso sesso.

3 – LEGGE DI CONTRASTO E PREVENZIONE DELLE VIOLENZE E DELL’ODIO OMOTRANSFOBICO Dopo il naufragio del tentativo di riforma della legge Mancino, è necessario riaprire una discussione finalizzata a produrre un’iniziativa legislativa che definisca un’aggravante per i crimini che hanno origine nell’omofobia, nella lesbofobia, nella bifobia e nella transfobia, e che metta in campo azioni strutturali di contrasto e di prevenzione soprattutto in ambito educativo.

4 – ACCESSO ALLE FECONDAZIONE ETEROLOGA PER TUTTE LE DONNE La riforma della legge 40 del 2004 al fine di garantire l’accesso alla fecondazione eterologa a tutte le donne, anche omosessuali e single, con riconoscimento della genitorialità alla nascita e risoluzione delle problematiche di riconoscimento del rapporto genitori figli per le famiglie omogenitoriali già esistenti.

5 – VERSO LA DEPATOLOGIZZAZIONE DELL’IDENTITÀ TRANS Un’iniziativa legislativa volta al recepimento della depatologizzazione della condizione trans in ogni ambito dell’ordinamento e dei servizi pubblici e privati, che preveda un servizio sanitario dedicato e finanziato dallo Stato; volta a garantire, altresì, il diritto al nome e all’identità come scelta libera e autonoma, pertanto senza oneri e sottratta all’obbligatorietà dell’azione giudiziaria contenziosa.

Abbiamo quindi un elenco di obiettivi che alcune formazioni politiche, anche se non li sottoscriveranno formalmente, tenteranno di realizzare.

In questi cinque punti sono delineate le prossime ferite mortali ai principi non negoziabili.

fonte: https://www.cinemagay.it/rassegna-stampa/2018/02/20/trans-e-nozze-omo-l-arcigay-detta-le-condizioni/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *