Elezioni: dalla Sicilia e Ostia buone notizie per la famiglia

Famiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino

Sicilia e Ostia, novembre 2017. A risultati quasi definitivi è importante segnalare alcuni indicatori per chi ha a cuore la vita e la famiglia: la sconfitta di due partiti che – in modo diverso – favoriscono la distruzione del nostro Paese.

 

Sicilia

  1. Partito di Adinolfi – Popolo della Famiglia.
    – Non riesce a presentarsi in nessuna Provincia.
    – Il che vuol dire che non riesce a raccogliere nemmeno le 150 firme per presentarsi nelle Province più piccole.
    – Si ricorda che alle precedenti amministrative del giugno 2017 aveva raccolto 10.916 voti in tutta la penisola.
    – Non è riuscito a favorire la sinistra.
  2. Partito di Alfano – AP, NCD e popolari vari
    – Si è presentato assieme al Partito Democratico, che ha appoggiato negli ultimi due Governi.
    – Ha votato a favore di tutte le leggi contro la vita e la famiglia, dal divorzio breve, al gender nella scuola, all’eutanasia e alla cannabis.
    – La Sicilia è stata una delle sue roccaforti, se non la principale.
    – Dal 10,9% del 2012 crolla rovinosamente sotto al 3,8%, da 208.000 voti a nemmeno 80.000
    – La soglia minima in Sicilia è il 5%: nessun uomo di Alfano entrerà nel Parlamento Regionale.
    – Probabilmente sarà la fine dei catto-traditori anche dal Parlamento: quasi impossibile superare la soglia del 3% nazionale, necessaria alle prossime elezioni politiche.
    – Rinasceranno con atri volti e altre sigle, ma la trappola alfaniana è finita.

Ostia

  1. Partito di Adinolfi – Popolo della Famiglia.
    – A differenza del giugno 2017 (quando questo partito si era presentato assieme al PD e a partiti di ogni orientamento) non trova nessun partito che lo accolga in coalizione.
    – Raccoglie pertanto l’1,34% confermando che gli sarà impossibile superare la soglia del 3% nazionale, necessaria alle prossime elezioni politiche.
    – Si conferma perciò come una “lista civetta”, utili a togliere voti a chi si oppone alle sinistre.
    – Se al ballottaggio tra M5s e Centro-Destra opterà di nuovo per l’astensione (lo ha già fatto a Bologna, Verona, Padova e altrove) sarà la definitiva conferma che della vita e della famiglia a questo partito non interessa nulla.
  2. Partito di Alfano – AP, NCD e popolari vari
    – Ostia è la città natale del ministro alfaniano Beatrice Lorenzin.
    – L’appoggio degli alfaniani è stato alla lista civica di Andrea Bozzi, che ha raggiunto il 5,5%.
    – Tenteranno come sempre di negoziare il loro 5,5% al ballottaggio.
    – Irrilevanti.

CONCLUSIONE

Non cadere mai più nella trappola del partito sedicente cattolico.

Chiedere di venire ascoltati da ogni partito,
valutandoli su quanto hanno fatto e NON su quanto promettono oggi.

Un commento su “1”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *