CRITERI PER UN VOTO PRO-VITA E PRO-FAMIGLIA

Parlamento europeo,Partecipazione del cittadino

Amministrative ed europee 2019

  • La sacralità della vita umana – dal concepimento alla morte naturale – e la difesa della famiglia naturale sono le priorità assolute per i Comuni e per l’Europa.
  • Visto che nessun partito ha fatto qualcosa di significativo rispetto alle priorità, è necessario esprimere un voto di forte protesta alle elezioni.
  • La protesta si esprime innanzi tutto con il non votare per i partiti che hanno in qualche misura sostenuto politiche anti-vita o anti-famiglia: le sinistre e i 5Stelle.

  • Né sono da votare i partiti da sempre a servizio delle sinistre e corresponsabili dell’attuale deriva etica: democratici-cristiani o popolari. Alle europee si presentano: “Popolo della Famiglia – Alternativa popolare” e “Popolari per l’Italia” che, quindi, non vanno votati.

  • La soglia minima per avere rappresentanti è del 4%; restano pertanto solo tre partiti: Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Salvini. Ogni altro voto favorirà le sinistre, come accaduto a Modena, con l’elezione – per soli 46 voti di differenza – del Sen. Patriarca (PD) nel marzo 2018.
  • Il voto di preferenza è fondamentale per esprimere la nostra protesta. Tuttavia, qualora non vi sia alcun candidato che abbia “fatto” (e non solo “promesso”) per la vita e la famiglia, va barrato solo il simbolo di uno dei tre partiti sopra indicati.
  • Come ulteriore forma di protesta, si può dare la preferenza solo a candidati del nostro territorio (non romani, milanesi o decisi dalle segreterie dei partiti) con i quali sarà più facile collaborare per ostacolare l’applicazione delle leggi anti-vita e anti-famiglia.
  • Per gli esponenti uscenti si segnaleranno solo coloro che si sono sufficientemente opposti a provvedimenti contro la vita e la famiglia.
  • Per i nuovi candidati si segnaleranno solo coloro che hanno “fatto” qualcosa in difesa della vita e della famiglia: non votiamo in base ai programmi o promesse che sentiamo nei comizi o in televisione.
  • Per l’Emilia-Romagna sono già state proposte le tabelle
    (a) sul comportamento degli europarlamentari uscenti: http://www.fattisentire.org/elezioni-europee-26-5-2019-e-stato-bravo-il-mio-deputato/
    (b) dei candidati locali che han fatto: http://www.fattisentire.org/elezioni-comunali-26-5-2019-chi-ha-fatto-qualcosa-in-difesa-di-vita-e-famiglia/
    (c) a giorni sarà diffusa una proposta di preferenze.

FattiSentire.org, 6/5/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *