Polonia, elezioni: vince “Dio, Patria e famiglia” (e il sovranismo non c’entra)

Lascia un commentoDal mondo,Famiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino

Il partito al Governo raccoglie il 44% dei voti e 239 deputati su 460.
Popolari/democristiani ai minimi storici.

Li chiamano fascisti, omofobi, populisti, euroscettici, sovranisti, identitari.
Invece, Kacyinski ha di fatto conquistato gli elettori attraverso una

  • agenda politica ispirata ai valori tradizionali;
  • beneficio diretto ai cittadini: 120 € al mese per ogni figlio, indipendentemente dal reddito;
  • intangibilità del concetto di famiglia e poca tolleranza verso le lobbies Lgbt, considerate una deriva morale che ammorba l’Occidente;
  • sussidi all’agricoltura, fattore trainante dell’economia, che ha portato il PIL al +4,5% e disoccupazione/povertà ai minimi storici.

(altro…)

Emilia-Romagna – cattolici ed elezioni regionali: ricordarsi di Ferrara

Lascia un commentoFamiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino
Il sindaco Fabbri con l’attivista comunista Mandela e l’Assessore all’istruzione Kusiak tra attivisti del PD all’inaugurazione.

Nessun cattolico vuole che il Partito Democratico resti al governo dell’Emilia-Romagna: troppe iniziative contro l’etica.
Tuttavia, come succede a Ferrara, dove è andato al governo il centro-destra talvolta non vi sono stati sostanziali cambiamenti rispetto al PD.

Quando si prende un’amministrazione la prima cosa da fare è smantellare il sistema di potere del PD, togliere contributi e prebende agli agit-prop avversari.
Invece, ecco alcune “perle” dei primi mesi del governo di Ferrara da parte del Sindaco leghista Fabbri (1):

  1. presenza del Sindaco al Gay pride ferrarese nonostante i cartelloni che lo insultavano: “più anal, meno Alan” (2);
  2. mantenimento del finanziamento di 6.380 € all’Arcigay (3);
  3. dedica della scuola di Francolino a Nelson Mandela, presente l’attivista comunista Ndileka Mandela (4) e celebrazione delle lotte socialiste del carnefice cubano Fidel Castro;
  4. attacco ai cattolici del Comitato Carlo Magno e successivo “contentino” con l’acquisto di 385 crocifissi per le scuole comunali… che degli insegnanti hanno rifiutato senza che venisse preso alcun provvedimento (5)
  5. promozione del Festival di Internazionale, rivista di area socialista, comprensivo di attacchi ai Presidenti Bolsonaro, Orban e Putin, apologia dell’immigrazionismo, del femminismo radicale, delle famiglie gay (6).

(altro…)

Aborto «dilatato» e laicato ecclesiale: un progressivo calar di brache

Lascia un commentoLa cappa ideologica,Partecipazione del cittadino

L’Avvenire del 31/8/19 ha pubblicato un articolo del Presidente dell’Unione Giuristi Cattolici riguardante l’imminente «cadere [de]i limiti giuridici alle pratiche abortive ancora esistenti».
La tesi sostenuta è così sintetizzabile: “siccome non siamo riusciti ad abrogare la 194, chiudiamoci in sacrestia” (1).

Il prof. D’Agostino non è nuovo a queste esternazioni: da un iniziale impegno intransigente sotto il Pontificato di San Giovanni Paolo II, è via via scivolato verso la totale acquiescenza rispetto alla cultura di morte e le forze politiche che la promuovono.

In risposta, il magistrato G. Rocchi ha fatto notare che

  • «la battaglia all’aborto legalizzato non è affatto definitivamente persa, come dimostrano i successi, seppure parziali, in varie parti del mondo» e
  • purché si combatta con intransigenza sui valori: «solo denunciando l’ingiustizia di certe leggi è possibile combattere anche sul piano della coscienza sociale e personale» (2).

(altro…)

Emilia-Romagna. I vescovi, i pro-famiglia, la legge liberticida: un bilancio

2 CommentiLibertà religiosa,Partecipazione del cittadino

Il modo proprio dei laici di aiutare i propri Pastori
è cristianizzare la propria città svolgendo il loro apostolato civico

 

Il 17/5/18, FattiSentire.org lancia il primo allarme per l’arrivo al parlamento regionale della ormai tristemente nota legge sull’omotransnegatività.

Il 21/5/18, una piccola rete di associazioni pro-famiglia dell’Emilia-Romagna dà corso a una raccolta di firme intitolata: “Supplica ai vescovi dell’Emilia-Romagna: SI alla famiglia naturale!”.

Poco prima del 21/9/18, alla vigilia del grande convegno regionale contro il gender a Le Budrie, due Vescovi rispondono ai quasi 800 firmatari promettendo di portare il tema in Conferenza Episcopale Regionale.

Nei mesi successivi, gli esponenti di quella (cresciuta) rete regionale informano ciascuno il proprio Vescovo su quanto sta per accadere. La bolognese FattiSentire.org, vedendosi rifiutare l’udienza dal proprio arcivescovo, si incarica invece di sensibilizzare i partiti del centro-destra.

(altro…)

Fondi statali per Radio Radicale? sono arrivati grazie al centro-destra!

Lascia un commentoPartecipazione del cittadino,Socialismo

Il Centro-Destra sta tagliando il ramo su cui è seduto.
Alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti del centro-destra (con il plauso di molti cattolici che contano) su una proposta di matrice socialista (PD).

Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte: Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa.
Sempre più evidenti gli errori e l’incapacità del Family Day e del Congresso di Verona: urgente ri-costituire dei comitati di pressione autentici.

Come volevasi dimostrare alla fine arriva sempre la manina che salva l’elargizione di soldi pubblici a Radio Radicale.
Quanto successo giovedì scorso alle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera non sorprende perciò più di tanto: la Lega ha votato insieme alle opposizioni (incluse Fratelli d’Italia e Forza Italia) a favore di un emendamento proposto dal Pd che concede altri 7 milioni a Radio Radicale, 3 per il 2019 e 4 per il 2020.

(altro…)

Elezioni europee: conferme da parte avversa

Lascia un commentoFamiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino,Vita: politiche di bioetica

La lobby LGBT conferma involontariamente la bontà di alcuni candidati favorevoli alla vita e alla famiglia.

Nel sito https://europee2019.votoarcobaleno.it/candidati/ l’Arcigay ha confermato che nella circoscrizione nord-orientale i candidati

  • Bizzotto Mara – Lega
  • Posteraro Alfredo – Forza Italia
  • Facci Michele – Fratelli d’Italia

indicati da fattisentire.org sono tutti “100% gay unfriendly”.

Riprendiamo pertanto con maggiore energia quanto indicato il 12 maggio http://www.fattisentire.org/elezioni-26-5-2019-vita-umana-famiglia-proposta-preferenze/ e facciamolo conoscere.

(altro…)

Elezioni 26/5/2019. Vita umana, famiglia: proposta preferenze

Lascia un commentoFamiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino,Vita: politiche di bioetica
Clicca per ingrandire

Ecco le proposte di voto di fattisentire.org per l’Emilia-Romagna:

ELEZIONI EUROPEE – circoscrizione Nord-Est

Lega per Salvini: On. Bizzotto Mara, Eurodeputato uscente (8 punti su 10)

Fratelli d’Italia: Facci Michele, Consigliere regionale in Emilia-Romagna, difensore della famiglia naturale (6 attività)

Forza Italia: Posteraro Alfredo, candidato pubblicamente favorevole alla famiglia naturale.

(naturalmente si può votare per uno solo dei tre partiti)

(altro…)

CRITERI PER UN VOTO PRO-VITA E PRO-FAMIGLIA

Lascia un commentoParlamento europeo,Partecipazione del cittadino

Amministrative ed europee 2019

  • La sacralità della vita umana – dal concepimento alla morte naturale – e la difesa della famiglia naturale sono le priorità assolute per i Comuni e per l’Europa.
  • Visto che nessun partito ha fatto qualcosa di significativo rispetto alle priorità, è necessario esprimere un voto di forte protesta alle elezioni.
  • La protesta si esprime innanzi tutto con il non votare per i partiti che hanno in qualche misura sostenuto politiche anti-vita o anti-famiglia: le sinistre e i 5Stelle.

  • Né sono da votare i partiti da sempre a servizio delle sinistre e corresponsabili dell’attuale deriva etica: democratici-cristiani o popolari. Alle europee si presentano: “Popolo della Famiglia – Alternativa popolare” e “Popolari per l’Italia” che, quindi, non vanno votati.

(altro…)

Elezioni comunali 26/5/2019: chi ha fatto qualcosa in difesa di vita e famiglia?

Lascia un commentoFamiglia: politiche familiari,Partecipazione del cittadino,Vita: politiche di bioetica
Clicca per ingrandire

Spesso i partiti non mantengono le promesse in tema di valori non negoziabili: un’ulteriore conferma è venuta dai programmi proposti ai cattolici alle elezioni del marzo 2018 e, ancora una volta, non rispettati.
Un professore di Storia Contemporanea ha ben descritto come i cattolici siano stati regolarmente traditi da chi si proponeva di rappresentarli (si veda il volumetto: https://www.edizionifiducia.it/libreria/chiesa-cattolica/centro-ci-porto-sinistra/ ).

La colpa di ciò è soprattutto nostra, perchè:
– continuiamo a votare in base a ciò che sentiamo e vediamo in televisione;
– dimentichiamo chi ci ha tradito.

Anche alle prossime elezioni del 26/5/2019 ci vengono proposti candidati “cattolici” che:
– fanno proclami intransigenti in merito alla difesa della vita umana e della famiglia
– ma non hanno “storia”, cioè non han mai fatto nulla di concreto su questi temi
– o, addirittura, hanno votato a favore delle unioni civili e sostenuto i Governi più ostili ai nostri valori.

(altro…)

Elezioni europee 26/5/2019: è stato bravo il mio deputato?

Lascia un commentoParlamento europeo,Partecipazione del cittadino

La sacralità della vita umana – dal concepimento alla morte naturale – e la difesa della famiglia naturale sono la priorità assoluta per i Comuni e per l’Europa.

Tuttavia, quasi nessuno controlla il comportamento su questi temi di coloro che avevano chiesto il voto dei cattolici.
Come per ogni tornata elettorale, FattiSentire.org propone un metodo di verifica facilmente replicabile per ogni circoscrizione, con i link dai quali ricavare i dati.
Facciamo dunque attenzione ai soliti “Family day” che, invece, ci diranno di votare per i loro amici o gli amici dei loro amici.

FattiSentire.org si occupa della circoscrizione in cui opera, comprendente le regioni: Emilia-Romagna, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia.
E’ opportuno che ogni comitato pro-vita o pro-famiglia provveda a far conoscere quelli della propria Regione, inviandoli almeno ai propri vescovi, clero e simpatizzanti.

(altro…)