Vescovi svizzeri, uomini del “SÌ”

Dal mondo

Sì ai minareti e sì all’abolizione del celibato

\"\"

Mons. Norbert Brunner, vescovo di Sion, e presidente designato della Conferenza episcopale svizzera, il cui mandato inizierà nel gennaio prossimo e durerà due anni, ha rilasciato un’intervista al settimanale elvetico NZZ am Sonntag in cui ha affermato che in Svizzera sarebbe possibile ordinare sacerdoti uomini sposati. Mons. Brunner succede nella carica di presidente della Conferenza episcopale a monsignor Kurt Koch, vescovo di Basilea.

Presidente vescovi svizzeri: sì a preti sposati

BERNA – Mons. Norbert Brunner, vescovo di Sion e presidente designato della Conferenza episcopale svizzera, afferma in un\’intervista alla "NZZ am Sonntag" che non c\’è legame sostanziale tra celibato e sacerdozio. "Ordinare preti uomini sposati dovrebbe quindi essere possibile." Il celibato dovrebbe essere volontario, sostiene il prelato che guida la diocesi di Sion dal 1995. "Credo – afferma nell\’intervista – che la Conferenza episcopale sia quasi all\’unanimità dell\’opinione che in Svizzera debba essere possibile ordinare sacerdoti uomini sposati". Monsignor Brunner afferma anche di essere intervenuto più volte in Vaticano in favore dell\’abolizione del celibato obbligatorio.
29 novembre 2009