Seoul, approvato progetto di sostegno a favore di mamme e bambini nord-coreani

Famiglia: politiche familiari

di Theresa Kim Hwa-young – AsiaNews

La decisione viene dallo Stato col più basso tasso di natalità al mondo

Il governo della Corea del Sud ha deciso di aumentare gli aiuti umanitari al Nord nel 2006: il nuovo stanziamento servirà a realizzare un progetto a favore dei bambini e delle donne incinte nord-coreane. Lo ha dichiarato martedì 5 luglio il ministro della Pianificazione e del Budget di Seoul.


La classe politica sud-coreana ha infatti allo studio un aumento del budget del 2006 – proposto da 56 fra ministri e sottosegretari – per un totale di 161 miliardi di euro: la nuova cifra rappresenta un aumento del 4,4% rispetto al 2005.

In totale il settore governativo che si occupa della riunificazione fra le 2 Coree e degli affari esteri ha richiesto 2 miliardi e 275 milioni di Euro per il budget del prossimo anno, una crescita del 42.7 per cento.

La richiesta di aumento è dovuta al nuovo progetto quinquennale a sostegno dei bambini e delle donne incinte della Corea del Nord, per il quale il governo spenderà quasi 24 milioni di Euro l’anno prossimo e oltre 437 milioni di Euro nei prossimi 5 anni.

Il ministero ha dichiarato che il nuovo stanziamento ed il progetto a favore di donne incinte e bambini è in preparazione della riunificazione della penisola: approvato l’invio di cibo, medicine e materiale medico.

La decisione del governo di Seoul è particolarmente significativa, se messa in relazione al fatto che la Corea del Sud è lo Stato col più basso tasso di natalità al mondo.

Da AsiaNews del 7 luglio 2005