Rockpolitik, Celentano, un fiume di soldi e le nostre tasche al verde…

La cappa ideologica

Ecco come finiscono i soldi dei poveri contribuenti che siamo noi !


Tutto Adriano miliardo per miliardo
Ecco il contratto dorato tra Celentano e la Rai per Rockpolitik


Pubblichiamo integralmente il contratto stipulato dalla Rai con il Clan Celentano per la realizzazione delle quattro serate di Rockpolitik. Il compenso stabilito tra la tv di Stato ed il Molleggiato è di 1.400.000 euro, trecentocinquantamila a puntata. Il contratto stabilisce anche la «discrezionalità ed autonomia piena sulle scelte tecnico-artistiche e sui contenuti del programma », esentando di fatto Celentano dal dover rendere conto ai vertici Rai delle proprie decisioni.


DOSSIER:
*** Chiamate l’ambulanza
*** Tutto Adriano miliardo per miliardo

Chiamate l’ambulanza
In esclusiva il contratto miliardario, parola per parola, tra Adriano e la RAI

Rockpolitik numero due. Ovvero, la serata di Benigni, che però si apre con un monologo di Adriano Celentano, e per quanto ci riguarda con una sorpresa. Andate all’interno. Troverete, parola per parola, il contratto sottoscritto dal Molleggiato e dalla Rai.
Date, numeri, impegni da rispettare e via discorrendo. E cifre, ovviamente.
Lettura interessante e piacevole, nonostante il linguaggio tecnico.
Complimenti, Adriano: 1 milione e 400mila euro, più Iva (e più tutto il resto), per quattro esibizioni. Fa 350mila euro a puntata (settecento milioni di vecchie lire).
Complimenti di nuovo, e veniamo a ieri sera. Tutto secondo programma: il re delle sorprese televisive è un campione di monotonia. Recita e replica se stesso. Rock o lento (tanto per usare il linguaggio del Molleggiato)? Diciamo country. Meglio: dopocena in un’osteria di campagna. Malignità? Ascoltare (se non l’avete già fatto ieri sera) per credere. Dopo le infinite polemiche che hanno accompagnato l’ultima esibizione di Celentano, era attesa, se non altro, una spiegazione. Risponderà il “paladino dei poveri pagato a peso d’oro” (la definizione è del quotidiano dei vescovi, “Avvenire”) al mondo cattolico e al centrodestra che lo hanno preso a fischi? Ci farà sapere se Santoro, quando è andato da lui giovedì scorso, si era già dimesso da europarlamentare (a proposito: a quando un ricorso e un procedimento di infrazione)? Queste le domande. Ora la parola al Guru del lamento televisivo, che parla (e sta zitto) in cambio dei soldi di cui sopra: «L’amore è rock, l’amicizia è rock, la droga è lenta, quelli che tirano i sassi dal cavalcavia sono lenti». Geniale, non vi pare? Ancora: «Il Papa è hardrock perchè apre la porta ai divorziati, i gay sono rock, ma i matrimoni gay sono lenti, pietrificati». È la sua idea, e noi paghiamo per questo (e per queste banalità che sono di Celentano e solo sue oggi l’Italia si accapiglierà). Paghiamo per sentirlo dire: «Zapatero è lentissimo». Vero. Ma, con tutto il rispetto: ci interessa sul serio sapere come la pensa Celentano? «La giarrettiera è rock, fare la vittima è lento (allusione alle polemiche?)». Ripetiamo: lui è country, anche se, secondo Maurizio Crozza, che non per nulla fa il comico, sarebbe «l’unico comunista in Italia ad avere uno straccio di programma» (altra cosa vera, ma ininfluente se usata per dire che il Molleggiato è bavo). Affondo: «I politici mi sono tutti simpatici, anche con quelli che non vado d’accordo, insomma non è facile andare d’accordo con i politici». Proprio così, errori di grammatica e di sintassi compresi. E dovremmo ridere o meditare? Spegnetelo, ma prima chiamate l’ambulanza e spiegateci se è giusto mostrare Raimondo Vianello che dice che voterà Berlusconi oppure Fini che se la prende con Bossi o il Cavaliere che parla dell’avviso di garanzia ricevuto a Napoli a mezzo stampa. Immagini consegnate alla storia. Con la stessa facilità – e superficialità – si potrebbe far vedere un D’Alema con la falce e martello sul cuore. Corretto? Intelligente? Oppure roba da ricovero (scegliete voi il reparto, non vorremmo avere querele). Ma non meravigliatevi. Il Molleggiato (ex) è questo. Domanda: dobbiamo pagarlo tanto per farci spiegare che a lui non piace Berlusconi, che in politica ci sono le lobby e la «scomparizione » (parola sua) di ogni forma di umiltà? Una serata in compagnia dei vaneggiamenti di Adriano, e in attesa di Benigni, 53 anni compiuti ieri (27 ottobre 1952, e chissà se nell’incontro, poi smentito, di ieri con Del Noce, il direttore di Raduno gli ha fatto gli auguri). Come sopra: anche Benigni non si è smentito (almeno, però, ha avuto l’intelligenza di dire che Celentano è incomprensibile ed è anche un bischero). Poi la caduta. Caduta? Frana. Invito a Berlusconi a fare il comico, le “chiappe a mortadella”, “il pisellino così”, la prostata e la scontata conclusione: il comico può fare tutto. Può dire che i politici, se insultati, non devono prendersela, che Celentano dovrebbe chiedere scusa (continuando ad insultare), che il presidente del Consiglio non funziona, che il governo non ha fatto nulla. Un comico, secondo Benigni, può fare campagna elettorale. Secondo noi – ripetiamo – potrebbe anche trovare un’ambulanza ad attenderlo al termine dello spettacolo. Sirene spiegate. Il reparto, ora, lo conosciamo: neurodeliri. Fine della seconda puntata. Unica fortuna: siamo a metà del ciclo programmato (e a 700mila euro). Ci sveneremo un altro po’ e finalmente sarà tutto finito: programma costoso, fazioso, a tratti demenziale, ma almeno veloce. È già qualcosa.

di MATTIAS MAINIERO

Libero 28 ottobre 2005


***


Tutto Adriano miliardo per miliardo
Ecco il contratto dorato tra Celentano e la Rai per Rockpolitik

Pubblichiamo integralmente il contratto stipulato dalla Rai con il Clan Celentano per la realizzazione delle quattro serate di Rockpolitik. Il compenso stabilito tra la tv di Stato ed il Molleggiato è di 1.400.000 euro, trecentocinquantamila a puntata. Il contratto stabilisce anche la «discrezionalità ed autonomia piena sulle scelte tecnico-artistiche e sui contenuti del programma », esentando di fatto Celentano dal dover rendere conto ai vertici Rai delle proprie decisioni.
In riferimento alle intese intercorse e premesso che: A) voi, Clan Celentano s.r.l., avete presentato a noi, Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A., un progetto originale dal titolo provvisorio “Celentano aprile 2005” da noi ritenuto idoneo alla realizzazione di uno spettacolo musicale, articolato in quattro puntate, da trasmettere su Rai Uno in prima serata, in diretta, incentrato su Adriano Celentano secondo la sua nota e tipica filosofia di uomo e di artista. B)Voi vi siete dichiarati cessionari esclusivi dei diritti di sfruttamento e di utilizzazione economica dell’immagine e delle prestazioni artistiche del sig. Celentano. C) A tale fine, noi – stante la vostra peculiare organizzazione e attività imprenditoriale – abbiamo richiesto a voi, che avete accettato, di concederci i diritti di utilizzazione e sfruttamento del predetto progetto di programma televisivo “Celentano aprile 2005”. (titolo provvisorio). D) Voi vi obbligate a realizzare ed a rendere a noi, ai fini della realizzazione del predetto progetto, il prodotto spettacolare risultante dal coordinamento degli apporti ideativi, organizzativi e realizzativi della rappresentazione artistica imperniata sulle prestazioni del sig. Adriano Celentano in qualità di conduttore, ideatore, autore principale e direttore artistico, regista, interprete/ esecutore, nonché ideatore e curatore del montaggio della replica. Autori ed altri collaboratori del programma e delle telepromozioni, oltre, come detto, al sig. Adriano Celentano, saranno dal medesimo successivamente individuati unitamente al co-regista/collaboratore alla regia e saranno da noi direttamente o indirettamente contrattualizzati con costi a nostro carico. E)Voi dichiarate e garantite di essere iscritti al registro degli operatori di comunicazione di cui alla legge 31/7/97 n. 249, art. 1 comma 6, punti 5 e 6, con posizione IS/10282. La Rai è iscritta al suddetto registro con posizione IS/0698. F) Noi e voi abbiamo di comune accordo individuato la soc. Ballandi Entertainment S.p.A. quale produttore esecutivo di parte del programma, avendo la medesima già curato la realizzazione delle produzioni “Francamente me ne infischio” (Rai Uno – 1999) e “125 milioni di…” (Rai Uno -2001), ed essendo legata alla Rai da un accordo quadro di esclusiva. Noi, con separato accordo, converremmo con la Ballandi Entertainment S.p.A. termini, modalità e condizioni di tale produzione, fermo restando che ciò dovrà venire di intesa con voi stanti gli apporti al programma affidati alla discrezionalità di Celentano, sulla base delle “caratteristiche essenziali della produzione” nel prosieguo citate. G)La Rai si impegna a concludere il relativo accordo con la Ballandi Entertainment S.p.A. entro il 15/1/2005. D) Il presente accordo è regolato dalle “condizioni generali di contratto” in quanto applicabili alla presente proposta e salvo le eccezioni espressamente indicate ai successivi punti 5), 5 bis), 5 ter) che, di seguito allegate (all.to “A”), ne formano parte integrante. Tutto ciò premesso si conviene quanto segue: ART. 1) EFFICACIA DELLE PREMESSE Le premesse costituiscono parte integrante della presente e vincolano le parti alla loro osservanza e rispetto, così come qualsiasi altra parte del presente accordo. ART. 2) OGGETTO DELL’ACCORDO Voi, alle condizioni di cui alla presente, ci cedete in esclusiva i diritti di utilizzazione e sfruttamento sul progetto di programma di cui alla lettera A) delle premesse, nonché a realizzare ed a rendere a noi il prodotto spettacolare risultante dal coordinamento degli apporti ideativi, organizzativi e realizzativi della rappresentazione artistica imperniata sulle prestazioni del sig. Adriano Celentano in qualità di ideatore, autore principale e direttore artistico, regista, conduttore, interprete/ esecutore, nonché ideatore e curatore del montaggio della replica, il cui compenso resterà a vostro esclusivo carico. Il programma in premessa sarà realizzato presso il teatro di via Mecenate in Milano, denominato “Studio 2000”, e consisterà in uno spettacolo musicale composto da n. 4 puntate della durata di 135′ circa ciascuna. 2. A) MESSA IN ONDA DELLA PRODUZIONE Le suddette 4 puntate saranno realizzate con cadenza settimanale, a partire dalla giornata da concordarsi compresa tra martedì 12/4 e sabato 16/4/2005, e saranno da noi riprese e trasmesse in diretta in fascia prime-time su Rai Uno, ai fini specifici della utilizzazione in sede televisiva. La data definitiva del giorno di inizio della messa in onda dovrà essere tra di noi concordata entro il 15/1/2005. ART. 3) CARATTERISTICHE ESSENZIALI DELLA PRODUZIONE A) Il programma sarà affidato e condotto dal sig. Adriano Celentano, la cui presenza e partecipazione deve considerarsi elemento essenziale del contratto per la Rai, così come tutte le altre mansioni indicate al punto D) delle premesse. B) Voi indicherete per ciascuna puntata del programma ospiti nazionali ed internazionali di elevato livello artistico, presenze tutte da comunicarsi con congruo anticipo, che verranno contrattualizzati da noi direttamente e/o tramite la soc. Ballandi Entertrainment; C) Risultare composta di n. 4 puntate della durata di 135′ circa; D) Essere allestita presso il teatro di via Mecenate in Milano, denominato “Studio 2000” e relativi servizi e attrezzature, di cui noi vi garantiamo la disponibilità per tutta la durata delle trasmissioni e delle registrazioni e che sarà da noi adattato per la realizzazione dello spettacolo e per ogni attività preparatoria o connessa. Noi allestiremo apposito camerino idoneo alle esigenze del sig. Celentano. E) Essere realizzata da parte di Rai, direttamente e/o tramite la soc. Ballandi Entertrainment S.p.A, con gli adeguati mezzi tecnici e risorse umane necessari alla migliore esecuzione delle esigenze dell’artista Adriano Celentano, fatti salvi i nostri limiti di budget, che non saranno inferiori a quelli previsti per produzioni di analogo livello; F) Essere realizzata secondo le modalità, i tempi le condizioni produttive previste nel relativo piano di lavorazione che verrà di comune accordo stabilito. G) Affidare a voi la consulenza artistica per la realizzazione dell’unica telepromozione per puntata prevista, affidata anche agli altri autori del programma, fermo restando quanto al punto D), II comma, delle premesse. H) Con riferimento all’art. 2 lettera O) terzo comma delle “condizioni generali di contratto” la quota spettante al sig. Celentano quale ideatore e autore principale non dovrà essere inferiore al 50%. ART. 3 BIS) PRIVACY. Ai sensi dell’art. 29 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, la vostra società e titolare del trattamento dei dati personali di tutti i soggetti contrattualizzati da voi che prenderanno parte alla produzione, la cui utilizzazione è necessaria per dare esecuzione al presente contratto. Al riguardo, ci garantite che il trattamento dei suddetti dati avverrà nel completo rispetto delle disposizioni in materia di dati personali, e per le finalità per cui questi sono stati assunti, e, comunque, ci manlevate da qualsiasi azione e/o pretesa, di qualunque natura, da chiunque promossa a qualsiasi titolo. ART. 3 TER) Clan Celentano s.r.l. garantisce che la prestazione del sig. Celentano sarà ispirata a quella nota originalità e filosofia tipica della sua professionalità artistica nei ruoli sopra descritti, nel pieno rispetto di tutte le leggi e regolamenti dello Stato a cui la Rai è sottoposta. ART. 4) DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO – MODALITÀ DI PAGAMENTO Per tutto quanto convenuto con la presente, noi vi corrisponderemo la somma concordata di complessivi euro 1.400.000,00 (unmilionequattrocentomila/ 00) + Iva – da intendersi importo bloccato ad ogni effetto – pari ad euro 350.000,00 + Iva per ciascuna puntata, con le seguenti modalità: 1) Quanto ad euro 420.000,00 (quattrocentoventimila/00) + Iva da emettersi, subordinatamente al perfezionamento del presente accordo, a vista fattura fatti salvi i nostri tempi tecnici contabili; 2) Quanto ad euro 420.000,00 (quattrocentoventimila/00) + Iva a vista fattura fatti salvi i nostri tempi tecnici contabili, da emettersi subordinatamente alla avvenuta realizzazione e messa in onda della prima puntata; 3) Quanto ad euro 280.000,00 (duecentottantamila/00) + Iva a vista fattura fatti salvi i nostri tempi tecnici contabili, da emettersi subordinatamente alla avvenuta realizzazione e messa in onda della terza puntata; 4) Quanto ad euro 280.000,00 (duecentottantamila/00) + Iva a 30GG EMDF, al termine dell’avvenuta messa in onda e realizzazione della quarta ed ultima puntata, e subordinatamente alla ricezione da parte nostra della attestazione Enpals dell’avvenuto versamento da parte vostra degli oneri sociali per il personale impegnato per l’esecuzione del presente accordo. Non verrà considerato ritardo nel pagamento, ai fini del decreto legislativo 231/2002, ove applicabile, il pagamento effettuato entro i 25 giorni successivi ai termini di scadenza previsti nei precedenti punti. Sulle somme pagate oltre l’arco temporale di cui al precedente comma – per cause imputabili alla Rai – verrà applicato un interesse di mora pari al saggio di interesse Bce, comunicato dal Ministero dell’economia e finanze, all’inizio di ogni semestre, previa presentazione di regolare fattura concernente tali interessi. 4.B) Conformemente a quanto previsto all’art. 5, 1 comma, delle allegate condizioni generali di contratto, vi comunichiamo che la fattura, redatta in triplice copia, dovrà essere inviata in originale al seguente indirizzo: Rai – Finanza e pianificazione – Contabilità – Viale Mazzini 14 – 00195 Roma. Voi dovrete, inoltre, inviare due copie della suddetta fattura al seguente indirizzo: Rai – Direzione risorse televisive – Appalti e acquisti – Viale Mazzini 14 – 00195 – Roma. ART. 5) VARIANTI RISPETTO ALLE “CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO”: A) L’art. 3) delle “condizioni generali di contratto” si intende, di comune accordo, sostituito dal seguente: “sulla produzione “Celentano aprile 2005” (titolo provvisorio) spetta alla Rai la co-proprietà al 50% dei relativi materiali (ivi compresi i materiali da noi girati e non trasmessi) nonché il 100% dei diritti esclusivi di utilizzazione e di sfruttamento in sede televisiva, nei limiti nel prosieguo specificati del titolo, del marchio e del logo della produzione medesima, con espresso divieto di utilizzo degli stessi da parte vostra anche decorso il periodo di esclusiva Rai. Ai fini di chiarezza, la restante quota del 50% sui materiali spetta alla Clan Celentano s.r.l.. Spetta alla Rai il diritto di utilizzare in esclusiva e sfrutta liberamente, la medesima produzione, in lingua italiana, in sede televisiva free per un passaggio ad una replica come sotto disciplinata, attraverso qualsiasi mezzo tecnico e/o tecnologie di trasmissione, con segnale sia analogico che digitale, in Italia, Città del Vaticano, Repubblica di San Marino, Principato di Monaco, Capo d’Istria e Svizzera di lingua italiana. La replica del programma di cui sopra dovrà essere da noi trasmessa esclusivamente nella forma sotto indicata, su Rai Uno, in prima serata, in periodi da concordarsi, esclusi sin d’ora i mesi di luglio e agosto, e comunque entro due anni dalla data di messa in onda dell’ultima puntata. A tal fine, le puntate del programma verranno da voi autonomamente e liberamente riviste in post-produzione, secondo la direzione artistica e il montaggio di Adriano Celentano, con mezzi tecnici interamente a nostro carico, e verranno a noi consegnate in tempo utile per la messa in onda nelle date come sopra concordate. Spetta altresì a noi il diritto di utilizzare, in esclusiva, la produzione in sede televisiva in lingua italiana per un passaggio, ed una replica come sopra descritta: – per la ricezione e la trasmissione simultanea con ogni mezzo tecnico e/o tecnologia di trasmissione, in tutti i Paesi dove sono ricevibili i segnali di satelliti alimentati da programmi immessi su satellite a partire dal territorio italiano; – per i programmi di Rai International comunque e dovunque diffusi e/o distribuiti. Per quanto attiene all’utilizzazio ne nell’ambito di Rai International noi eserciteremo il predetto diritto, intendendo per unicità di passaggio la somma dei passaggi effettuati con riferimento ai diversi Paesi stranieri nei quali viene trasmessa Rai International. Restano a voi riservati tutti i diritti di utilizzazione e sfruttamento sull’eventuale format dervante, e voi vi obbligate a non commercializzare il medesimo per la realizzazione di programmi televisivi fino ad un anno dalla trasmissione su Rai Uno prima della messa in onda dell’ultima puntata del programma in oggetto. B) Ad integrazione dell’art. 4) let. B) punto 2 delle “condizioni generali di contratto” faranno carico a Rai (o alla Ballandi Entertrainment S.p.A.) i pagamenti di quanto dovuto in base all’accordo Rai/Scf. C) A parziale modifica di quanto previsto al punto 5) ultimo comma delle allegate “condizioni generali di contratto”, voi siete esonerati dall’obbligo di presentazione delle garanzie previste. D) Ad integrazione della lettera B) dell’art. 2) delle “condizioni generali di contratto”: – noi potremo collegare al programma qualunque ente o società per la realizzazione di eventuali sponsorizzazioni e/o spazi e/o interventi promozionali, senza dover riconoscere alcun compenso aggiuntivo, spettando a noi in via esclusiva la titolarità dei relativi introiti, con l’espressa esclusione di prodotti e/o servizi relativi alle categorie merceologiche di armi e pellicce. – Noi ci obblighiamo ad effettuare, per ciascuna ora di trasmissione, una sola interruzione pubblicitaria della durata massima, per ciascuna interruzione, di 210 secondi. – Inoltre, sarà inserita, per ciascuna puntata, non più di una telepromozione, la cui collocazione oraria sarà decisa da voi e comunicataci con congruo anticipo, con l’espressa esclusione di prodotti e/o servizi relativi alle categorie merceologiche di armi, pellicce e prodotti geneticamente manipolati. Qualora dovreste autorizzare l’ulteriore diffusione radiofonica in simultanea del programma, resta intesa che null’altro da noi vi sarà dovuto oltre al corrispettivo con la presente pattuito. Spettano a voi i diritti di sfruttamento della produzione, come quelli in sede audiovisiva (home e commercial video, videocassette, dvd, video dischi, dischi laser, etc.), i c.d. diritti derivati, i c.d. diritti ancillari, i c.d. diritti di sfruttamento multimediale, interattivo e non, on line (es. internet) e off-line (es.: cd rom) attraverso qualsiasi canale distributivo e/o piattaforma, ivi compreso il relativo diritto di registrazione e di elaborazione con qualsiasi modalità/ terminale d’accesso. Voi vi obbligate a non sfruttare la produzione in sede televisiva pay e tramite telefonia mobile. Gli eventuali proventi, al netto di tutti i costi ed oneri necessari alla realizzazione e distribuzione, a voi derivanti dallo sfruttamento dei predetti diritti, verranno tra noi suddivisi in ragione dell’80% Clan Celentano e 20% Rai. Voi ci invierete rendiconti semestrali per i primi due anni e successivamente annuali. I rendiconti dovranno essere corredati da ogni pertinente informazione, fermo restando ogni ragionevole diritto di verifica. Fermo restando quanto sopra in ordine ai proventi derivanti da eventuali sfruttamenti commerciali del programma, voi vi riservate il diritto di utilizzare brani tratti dal programma nell’ambito di iniziative promozionali dell’attività dell’artista Adriano Celentano. Spetta, altresì, a voi il diritto di effettuare riprese, con vostri mezzi tecnici, del “backstage” del programma, fermo restando che lo sfruttamento di tale materiale da parte vostra potrà avvenire dopo la diffusione televisiva da parte nostra del primo passaggio del programma medesimo, e comunque nell’ambito di iniziative promozionali dell’attività dell’artista Adriano Celentano. Noi ci obblighiamo al fine di assicurare un’adeguata attività promozionale, di ampio risalto e con alta rotazione – non inferiore a quella effettuata per il programma televisivo “Francamente… me ne infischio” e “125.000.000 di…” -, per il lancio del programma come per ciascuna puntata in cui lo stesso si articolerà, garantendo almeno 7 promo giornalieri della durata di almeno 40″, la cui ideazione sarà da voi curata, e la cui messa in onda dovrà avvenire, a partire dalla prima settimana di gennaio 2005 – per un ciclo di promo su Rai Uno, nel corso dei break di programmi di prime time e/o comunque in fasce orarie di massimo ascolto. I predetti promo saranno da voi realizzati con costi a nostro esclusivo carico. Art. 5 bis) Voi, sulla base della vostra qualità indicata al punto B) delle premesse, ci garantite, sino alla data della messa in onda della quarta ed ultima puntata, l’esclusiva in sede televisiva per il territorio italiano sull’immagine del sig. Adriano Celentano, fatta salva la trasmissione di video musicali (e relativi spot promozionali) di cui lo stesso sia protagonista. Tale esclusiva resterà in vigore anche nel caso di risoluzione del contratto, per fatto non riferibile alla Rai, per le ipotesi di cui al successivo articolo 8). Art. 5 ter) Clausola risolutiva espressa: In sostituzione dell’art. 9) delle “condizioni generali di contratto”, nel caso di vostro inadempimento all’obbligo di cui al presente accordo di fornire il prodotto di cui alla lettera D) delle premesse ed all’art. 2) della presente proposta, sarà facoltà della Rai ritenere risolto immediatamente il contratto ai sensi dell’art. 1456 cod. civ., impregiudicato il risarcimento del danno. ART. 6) ULTERIORI OBBLIGHI E GARANZIE. 6.1) Noi garantiamo, fermo restando quanto detto agli articoli 3.e) e 3 ter), che avrete discrezionalità ed autonomia piena sulle scelte tecnico- artistiche e sui contenuti del programma. Pertanto, tutte le decisioni inerenti la strutturazione e la realizzazione del programma (sotto i profili tecnici, creativi, artistici e spettacolari) ivi comprese quelle riguardanti le figure professionali coinvolte, spetteranno a voi. In via esemplificativa ma non esaustiva, quindi, ricadono in detto diritto di scelta: – l’approvazione delle principali figure professionali coinvolte nella produzione (scenografo, direttore della fotografia, co regista e/o aiuto e/o collaboratore alla regia, gruppo autorale, coreografo, etc.), nonché dei tecnici a qualsivoglia titolo interessati alla produzione del programma; – l’approvazione delle scenografie e degli eventuali numeri coreografici; – la scelta e l’approvazione della composizione della sigla nonché dei titoli di testa e di quella di coda; – la scelta della sarta personale, della truccatrice e del parrucchiere che assisteranno il sig. Celentano per la produzione; 6.2) Sarà consentito l’accesso alle prove di un solo fotografo che sarà indicato da voi che diverrete proprietari esclusivi delle fotografie nonché dei negativi impressi e titolari esclusivi dei relativi diritti. In occasione della realizzazione di ciascuna puntata – nonché nel caso di svolgimento delle prove di ciascuna di esse – vi garantiamo che sarà da noi: A) fatto tassativamente osservare il divieto di fumare in studio da parte dell’intero personale e dei professionisti interessati alla produzione, secondo la vigente policy Rai in materia; B) assicurato l’accesso in studio dei soli professionisti accreditati il cui elenco vi sarà fornito precedentemente per il tramite della direzione della Rete uno, in tempo utile rispetto alla messa in onda, per la vostra approvazione; C) indicato, nel primo cartello dei titoli di testa, il nome del sig. Celentano quale ideatore ed autore principale del programma. ART. 7) Il presente accordo verrà da noi portato a conoscenza della soc. Ballandi Entertainment S.p.A. per quanto di sua competenza. ART. 8) CAUSE DI RISOLUZIONE Voi vi impegnate a comunicarci l’eventuale malattia o infortunio di Adriano Celentano, per causa di forza maggiore o per altre cause di impedimento, insorte durante la vigenza del presente accordo, che impedissero il regolare e continuativo adempimento delle obbligazioni convenute a carico del medesimo. Resta inteso che, in tale caso, concorderemo la data per il recupero delle o della puntata non realizzata che dovrà avvenire, comunque, entro e non oltre il 31/12/2005. Nell’ipotesi in cui il recupero stesso non potesse avvenire per impedimento a noi imputabile l’importo totale convenuto dovrà comunque esservi integralmente erogato. Qualora il recupero non potesse attuarsi per la persistente indisponibilità, per causa di malattia e infortunio dello stesso sig. Celentano, le somme sino ad allora maturate saranno a voi comunque riconosciute ritenendosi irrecuperabili da parte nostra. Viceversa, null’altro vi sarà dovuto per quanto non realizzato, eccezion fatta per l’ipotesi in cui la persistente indisponibilità del sig. Celentano dovesse protrarsi anteriormente alla realizzazione della prima puntata, senza che sia stata trovata la possibilità del recupero, con l’esclusione dell’ipotesi di un vostro colpevole rifiuto: in tal caso, sarà trattenuta la quota da voi al momento percepita, e da noi conseguentemente comunque corrisposto il residuo importo (previa presentazione di vostra fattura pagabile a 30gg Emdf) fino alla concorrenza del 50% del corrispettivo globale riconosciuto, a titolo remunerativo dell’attività da voi svolta in funzione dell’ideazione della preparazione e dell’allestimento del programma nonché a fronte dell’indisponibilità sino ad allora del progetto di cui alla lett. A) della premessa e dell’esclusiva di cui all’art. 5) bis sino ad allora concessaci. ART. 9) Con comunicazione a parte, voi ci indicherete i nominativi delle persone che collaboreranno con voi a fin della presente produzione, e che potranno accedere alle strutture di competenza della Rai. ART. 10) Noi ci obblighiamo a consegnarvi copia dei materiali relativi al programma e del girato delle prove (ove da voi autorizzato) priva del logo Rai in formato Digibeta, entro 48 ore dalla diffusione televisiva di ciascuna puntata. ART. 11) ADEMPIMENTI IN MATERIA DI ANTIMAFIA Il presente accordo deve intendersi urgente ai sensi dell’art. 11, secondo comma, del d.p.r. 6/06/1998 n. 252, ai fini di quanto previsto al punto 11 delle “condizioni generali di contratto”. Rimaniamo in attesa della trascrizione integrale da parte vostra della presente proposta e delle “condizioni generali di contratto”, sottoscritte dal vostro legale rappresentante per accettazione e benestare; tale trascrizione dovrà pervenirci tassativamente entro e non oltre 30gg dalla data della presente, altrimenti quest’ultima dovrà intendersi caducata ad ogni effetto, con riferimento al disposto dell’art. 1326 secondo comma, cod. civ.. Voi dovrete, inoltre, specificatamente approvare per iscritto, ai sensi dell’art. 1341 c.c., le seguenti clausole: “Proposta di accordo”: – art. 2) oggetto del contratto – art. 3) caratteristiche essenziali della produzione – art. 3 bis) – ter) – art. 4) determinazione del corrispettivo – termini di pagamento; – art. 5) varianti rispetto alle condizioni generali di contratto – art. 5) bis) – art. 5 ter) Clausola risolutiva espressa – art. 8) clausole di risoluzione – art. 11) documentazione antimafia “Condizioni generali di contratto”: 2. obblighi dell’appaltatore: lettere A), B), C), E), S). 4. garanzie da parte dell’appaltatore lettere A); B); C) punti 2, 4; D). 4 bis) garanzia e manleva. 5. pagamento del corrispettivo – adempimenti a carico dell’appaltatore – domicilio tassativo: terzo ed ultimo comma; 6. importo bloccato 7. divieto di cessione dell’accordo e dei relativi crediti – deroghe 8. termini essenziali e facoltà di risoluzione da parte della Rai. 11. adempimenti in materia di antimafia 12. foro competente Roma.
Con i migliori saluti

Libero 28 ottobre 2005