Preoccupazione nella Chiesa srilankese per il documento anti-conversioni

Libertà religiosa

 

ASIA/SRI LANKA


Preoccupazione nella Chiesa srilankese per il documento anti-conversioni, all’esame del Parlamento



Colombo (Agenzia Fides) – Le diverse comunità cristiane in Sri Lanka, e fra loro la Chiesa cattolica, sono seriamente preoccupate per il documento anti-conversioni che sarà presto all’esame del Parlamento nazionale. Si tratta di un provvedimento che, se approvato, modificherà radicalmente il comportamento e i rapporti fra le comunità religiose nel paese, minacciando la libertà di coscienza e di religione e i diritti umani, come spiega a Fides una fonte nella Chiesa locale.


ASIA/SRI LANKA


Preoccupazione nella Chiesa srilankese per il documento anti-conversioni, all’esame del Parlamento



Colombo (Agenzia Fides) – Le diverse comunità cristiane in Sri Lanka, e fra loro la Chiesa cattolica, sono seriamente preoccupate per il documento anti-conversioni che sarà presto all’esame del Parlamento nazionale. Si tratta di un provvedimento che, se approvato, modificherà radicalmente il comportamento e i rapporti fra le comunità religiose nel paese, minacciando la libertà di coscienza e di religione e i diritti umani, come spiega a Fides una fonte nella Chiesa locale.


Paradossalmente, nota la fonte di Fides, la legge, che dovrebbe essere esaminata e votata nei prossimi giorni, viene spacciata come provvedimento per difendere la libertà religiosa, ma i suoi effetti sono del tutto opposti. In pratica il provvedimento rende illegale la conversione personale da una religione all’altra in ogni circostanza, che può essere considerata “non etica” e illegale. La legge prevede pene pesanti come la multa di 500.000 rupie (5mila dollari) e carcere fino a sette anni. La discrezionalità viene lasciata a un magistrato che dovrebbe decidere se il cambio di religione di una persona è illegale, fatto attraverso l’inganno e il proselitismo. Proprio questo concetto di proselitismo preoccupa molto la Chiesa locale: così infatti viene definita anche la pura attività di carità o di solidarietà svolta da sacerdoti, religiosi, fedeli laici, istituti cattolici e anche da organizzazioni non governative di ispirazione cristiana.


Il provvedimento è stato proposto dai nove monaci buddisti che sono stati eletti nel Parlamento srilankese, membri del “Jathika Hela Urumaya”, partito buddista con taglio fondamentalista che aveva già presentato il progetto lo scorso anno. La Corte Suprema dello Sri Lanka aveva però definito “incostituzionale” il provvedimento in alcune sue parti. Nonostante ciò, il progetto di legge è stato ripresentato in Parlamento senza modifiche sostanziali.


Il governo dello Sri Lanka e la sua presidente, Chandrika Kumaratunga, hanno lasciato ai parlamentari libertà di coscienza nel voto. Secondo gli osservatori, la presidente non ha voluto inimicarsi i partiti buddisti per opportunità politica, ma ciò significa che, con molta probabilità, il provvedimento verrà approvato, dato che l’80 % dei parlamentari professa la religione buddista.


I Vescovi dello Sri Lanka già lo scorso anno si erano espressi con chiarezza dicendosi del tutto contrari al provvedimento. In un comunicato diffuso di recente hanno ribadito la loro posizione, mettendo in guardia dall’autentico attentato alle libertà fondamentali della persona che questa legge pone in atto. (PA) (Agenzia Fides 28/04/2005)