Portogallo: SÌ al matrimonio gay

La cappa ideologica

Portogallo
che cosa ne hai fatto
del Messaggio di Fatima?

Il Parlamento portoghese ha approvato questa mattina un disegno di legge del governo socialista che legalizza il matrimonio tra omosessuali, ma ha respinto la proposta di permettere l’adozione per coppie dello stesso sesso. Il provvedimento ha potuto contare sull’appoggio di tutta la sinistra. Respinta una proposta di referendum popolare avanzata da più di 90mila cittadini. Il primo ministro socialista José Socrates ha commentato la decisione come "un momento storico" per il Portogallo che da anni "combatte contro la discriminazione e l\’ingiustizia sociale nella società". Ad aprile potrebbe essere già celebrato il primo “matrimonio” gay. Al momento sono cinque i paesi europei dove è possibile il matrimonio fra persone dello stesso sesso: Belgio, Olanda, Spagna, Svezia e Norvegia.
Certo che questa è una preparazione «adeguata» per la prossima visita del Papa a maggio.

FOTO del parlamento di Lisbona invertito, cioè al contrario della realtà…

\"\" 

Il Portogallo dice sì ai matrimoni gay
E\’ il sesto Paese dell\’Unione Europea
La nuova legge deve però ancora essere promulgata dal presidente della Repubblica
Non è stata invece autorizzata per il momento l\’adozione da parte delle coppie omosessuali
 
Anche il Portogallo ha legalizzato le nozze tra persone dello stesso sesso. Dopo Belgio, Svezia, Norvegia, Spagna e Olanda, anche il Parlamento portoghese ha approvato un disegno di legge del governo socialista che legalizza l\’unione tra omosessuali, ma ha invece respinto la proposta di permettere l\’adozione tra coppie dello stesso sesso. Il provvedimento ha potuto contare sull\’appoggio di tutta la sinistra.
Il primo ministro Jose Socrates ha commentato la decisione come "un momento storico" per il Portogallo che da anni "combatte contro la discriminazione e l\’ingiustizia sociale nella società". La legge dovrà essere ora ratificata dal presidente della Repubblica, il conservatore Anibal Cavaco Silva che dispone di un diritto di veto tuttavia superabile da un successivo voto parlamentare sul medesimo testo.
Il partito social-democratico (Psd) – formazione conservatrice – aveva proposto invece la creazione di una "unione civile registrata" che desse alle coppie omosessuali gli stessi diritti degli eterosessuali sposati; l\’opposizione di destra ha chiesto che la legge venga sottoposta ad un referendum.
In caso di ratifica presidenziale, il primo matrimonio gay potrebbe essere celebrato ad aprile, un mese prima della visita ufficiale di Papa Benedetto XVI.
 
La Repubblica (08 gennaio 2010)