Orrore in Scozia: bimbi sottratti ai nonni per darli ad una coppia gay

Dal mondo

“UNA SCELTA DEVASTANTE”
CRONACHE DI UN’EUROPA MALATA

Londra – Meglio adottati da una coppia gay che dai loro nonni. Due bimbi scozzesi, fratello e sorella di cinque e quattro anni, sono stati tolti dai servizi sociali di Edimburgo ai loro nonni naturali e stanno per venir adottati definitivamente da una coppia omosessuale ritenuta più adatta agli interessi dei bimbi.

Per la legge infatti i genitori della madre dei piccoli, che da tempo non è in grado di occuparsene perché eroinomane, sono troppo vecchi per crescere i nipoti. Cinquantanove anni lui, quarantasei lei, i signori, la cui identità non è stata rivelata ai giornali, hanno lottato per due anni per riottenere la custodia dei bimbi fino all’esaurimento di tutte le loro risorse finanziarie. Quando non sono più stati in grado di pagare le spese legali hanno dovuto desistere rassegnandosi all’ipotesi di un’adozione.
Di certo però, non si aspettavano che ad adottare i nipoti sarebbero stati due uomini. Come hanno raccontato ieri al tabloid inglese Daily Mail, sapevano che in lista d’attesa per l’adozione c’erano anche molte coppie eterosessuali e la decisione di dare la priorità ad una coppia gay è parsa loro profondamente squilibrata.

Eppure, quando il nonno ha osato protestare, sembra gli sia stato detto che nel caso si fossero rivelati ostili a questa decisione non avrebbero più rivisto i bambini. «Mi si spezza il cuore a pensare che i nostri nipoti siano costretti a crescere in un ambiente familiare privo di una figura materna – ha spiegato il nonno affranto – noi non abbiamo pregiudizi nei confronti dei gay, ma sfido chiunque a spiegarmi come una simile scelta possa rivelarsi la migliore nei confronti dei piccoli».

Gli stessi operatori dei servizi sociali hanno dovuto ammettere che, soprattutto la bambina, non si trova particolarmente a proprio agio con gli uomini e quindi l’inserimento in una famiglia tutta maschile potrebbe essere più problematica per lei.

Il caso ha già sollevato feroci polemiche in Scozia, un Paese dove alle coppie omosessuali è stato consentito di adottare nel 2006, nonostante una consultazione pubblica avesse chiaramente rivelato che il 90 per cento della popolazione era contro un simile provvedimento. Ora, l’opinione pubblica inizia ad interrogarsi su quale livello di interferenza nella vita privata e familiare sia accettabile da parte delle autorità locali. Soprattutto quando i protagonisti sono dei minori.

I più critici hanno sottolineato che di questi tempi, alcune autorità locali hanno negato il diritto all’adozione a coppie di fumatori o di obesi, ma hanno sostenuto fortemente l’affido e l’adozione per le coppie gay sebbene gli studi scientifici abbiano dimostrato che un bambino cresce meglio in una famiglia tradizionale composta da un padre e da una madre. Ieri anche un portavoce della chiesa cattolica ha condannato la decisione delle autorità di Edimburgo. «Si tratta di una scelta devastante – ha dichiarato – che avrà un grave impatto sul benessere dei bambini coinvolti».

Erica Orsini, Il Giornale, 29 gennaio 2009

———

STRAPPANO 2 BIMBI A NONNI 50ENNI:
TROPPO VECCHI, MEGLIO I GAY…

Edimburgo (Scozia) – Cose dell’altro mondo, che accadono nell’Europa malata: due bambini, figli di una giovane tossicodipendente, sono stati strappati ai nonni e destinati in “adozione” a due uomini, cioè a una coppia omosex. Il pretesto per far cadere i piccini, fratello e sorella di 5 e 4 anni, nelle mani degli omosessuali è stato quello dell’età dei nonni: 59 anni lui, 46 lei, giudicati “troppo vecchi” per allevare dei figli. I poveri nonni, che stravedono per i loro nipotini, hanno fatto di tutto per ottenerne la custodia.

CAPITALE IN AVVOCATI. I nonni sono una coppia irreprensibile e stimata da tutti, nonostante la sventura della figlia eroinomane, in perfetta salute e adeguate condizioni economiche: hanno speso un capitale in avvocati per riavere i loro amati nipotini, ma alla fine hanno dovuto cedere davanti al muro della “giustizia” scozzese che privilegia i “diritti” dei gay a discapito di quelli dei famigliari e degli stessi legami di sangue.

MINACCE. Non solo: quando nonno e nonna hanno osato protestare sono stati minacciati. Si erano mostrati indignati perché altre coppie di persone normali, si erano fatte avanti per chiedere i bambini in adozione: persi per persi, a causa della loro età “anziana”, era meglio che i piccoli fosserro assegnati a una mamma e un papà. Niente da fare. Nel mondo “invertito”, le loro rimostranze sono state definite “omofobe”, asociali: così rischiavano di farsi negare persino la possibilità di vedere in futuro i loro nipotini, ora diventati figli di due omosessuali. A quel punto i nonni hanno desistito.

STRAZIANTE ABBANDONO. Straziante, poi, la scena dell’abbandono forzato, con i due piccini che non ne volevano sapere di andare da quegli uomini sconosciuti e chiedevano disperati di restare col nonno e la nonna, i loro famigliari. Soprattutto la bambina è caduta in uno stato di grave depressione, ma la “giustizia progressista” non ha rimorsi: gli omosex devono avere a loro disposizione i bambini degli altri. La Chiesa cattolica è intervenuta sulla vicenda definendo “devastante” la scelta di strappare i bambini ai nonni e lasciarli in balìa di due omosessuali: una decisione che “avrà grave conseguenze sui bambini coinvolti”.

Il Padano, 29 gennaio 2009