Nota della Conferenza Episcopale riguardo al matrimonio degli omosessuali

Famiglia: coppie di fatto


Nota della Conferenza Episcopale riguardo al matrimonio degli omosessuali: “Lo Stato non può riconoscere questo diritto inesistente se non agendo in modo arbitrario che travalica le sue competenza e che danneggerà senza dubbio molto seriamente il bene comune”


Madrid (Agenzia Fides) – Il cosiddetto “Disegno di legge di Riforma del Codice Civile” che permette alle persone dello stesso sesso di poter contrarre matrimonio, è stato approvato ieri in Spagna dal Congresso dei deputati con 183 voti a favore, 136 contro e 6 astensioni. Il testo modifica il Codice Civile in 16 articoli, ma i principali cambiamenti si basano sulla sostituzione delle parole “marito” e “moglie” con “coniugi” e le parole “padre, madre” con “progenitori”. Amplia anche l’articolo 44 con la seguente affermazione: “Il matrimonio avrà gli stessi requisiti ed effetti quando entrambi gli sposi siano dello stesso sesso o di differente sesso”. Con questa affermazione si dà il via libera alla possibilità di adottare minori, un vero attentato contro i bambini innocenti che costituisce uno dei punti più critici del progetto. È stata anche approvata la modifica del Codice Civile per l’agevolazione dei processi di separazione e divorzio, secondo la quale non sarà necessario la separazione previa per procedere al divorzio ed inoltre basta che uno dei coniugi non desideri la continuazione del matrimonio affinché possa chiedere il divorzio, senza che l’altro possa opporsi.


La Conferenza Episcopale Spagnola ha pubblicato per questo motivo una nota di stampa con il titolo “Di fronte alla discussione parlamentare di una Legge ingiusta sul matrimonio” nella quale afferma che si tratta di una “legge radicalmente ingiusta e dannosa per il bene comune” e presuppone l’introduzione di “un pericoloso fattore di dissoluzione dell’istituzione matrimoniale e con questa, del giusto ordine sociale”. “Non è giusto che due persone dello stesso sesso pretendano di sposarsi – affermano i Vescovi -. Che le leggi li ostacolino non suppone alcuna discriminazione. Invece sarebbe ingiusto e discriminatorio che il vero matrimonio fosse trattato come un’unione di persone dello stesso sesso”.


Ricordano i Vescovi nella nota, che le persone omosessuali, “come tutti, sono dotate della dignità inalienabile che corrisponde ad ogni essere umano”. Pertanto non possono essere sottovalutate o discriminate e godono degli stessi diritti di qualsiasi essere umano. Ma contemporaneamente hanno “il dovere di ricordare che il matrimonio può essere contratto soltanto da persone di diverso sesso” e che “persone dello stesso sesso non hanno nessun diritto a contrarre matrimonio tra loro”. Pertanto “lo Stato non può riconoscere questo diritto inesistente se non agendo in modo arbitrario, che travalica le sue competenze e che danneggerà senza dubbio molto seriamente il bene comune.”


I Vescovi alludono alle ragioni antropologiche, sociali e giuridiche che avallano queste posizioni. “Il matrimonio, come espressione istituzionale dell’amore dei coniugi che si realizzano come persone e che generano ed educano i loro figli, è la base insostituibile della crescita e della stabilità della società”, perciò “equiparare le unioni omosessuali ai veri matrimoni è introdurre un pericoloso fattore di dissoluzione dell’istituzione matrimoniale e con essa, del giusto ordine sociale”.


Le Chiese cristiane e le principali confessioni religiose della Spagna hanno pubblicato un comunicato congiunto chiedendo che non si modifichi la regolamentazione giuridica del matrimonio, affermando che il matrimonio monogamo eterosessuale fa parte della tradizione giudeo-cristiana e di altre confessioni religiose. (RG) (Agenzia Fides 22/4/2005)


Testo completo della nota di stampa della Conferenza Episcopale Spagnola in spagnolo


http://www.fides.org/spa/vita_chiesa/spagna_220405.html


Testo completo del comunicato di stampa congiunto in spagnolo


http://www.fides.org/spa/vita_chiesa/spagna2_220405.html


EUROPA/SPAGNA


“Leggi e Famiglia: un dibattito aperto nella società contemporanea” – Ricordiamo lo speciale dell’Agenzia Fides dedicato alla situazione della Spagna


Roma (Agenzia Fides) – L’Agenzia Fides ha iniziato a pubblicare nelle scorse settimane i documenti ufficiali più recenti elaborati su questo tema dalle Conferenze Episcopali, dai Movimenti e Associazioni, dal mondo accademico e scientifico, che stanno contribuendo alla costruzione di un dibattito aperto ma fermo nei principi fondamentali sul tema della famiglia. Abbiamo iniziato dalla Spagna, per poi proseguire via via attraverso tutte le nazioni, perché non venga meno l’attenzione su argomenti così importanti per le generazioni di oggi e di domani.


Nello Speciale dell’Agenzia Fides sono riportate Note e Comunicati della Conferenza Episcopale Spagnola su questi delicati argomenti; una serie di contributi raccolti per Fides, tra cui gli interventi del Cardinale Alfonso Lopez Trujillo, Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia; del Cardinale Dario Castrillon Hoyos, Prefetto della Congregazione per il Clero; del Dott. Eduardo Hertfelder, Presidente dell’Istituto di Politica Familiare spagnolo; del Dott. Carlos de la Casa, Direttore dell’Università internazionale Alfonso VIII. Infine sono raccolti pronuciamenti e contributi con cui diversi Vescovi spagnoli in questi mesi hanno fatto sentire la loro voce su questi temi. (S.L.) (Agenzia Fides 22/4/2005 – Righe 16, Parole 186)


Lo Speciale di Fides dedicato a Leggi e Famiglia


http://www.fides.org/ita/approfondire/2005/leggi00_famiglia.html