No ad Obama nell’università cattolica. Firmano in 65 mila

Dal mondo

La Notre Dame University rifiuta Obama

Ha suscitato un’onda di proteste la decisione di invitare Barack Obama ad aprire il semestre accademico in una delle più rinomate università cattoliche d’America, la Notre Dame University. In 65 mila hanno già firmato una petizione contro l’arrivo del presidente, dichiaratamente pro choice sull’aborto e aperto alla ricerca sulle cellule staminali embrionali…

 

È negli Stati Uniti d’America che è in corso un caso Sapienza al contrario. Come in Italia fu Benedetto XVI a subire, circa un anno fa, pesanti e reiterate critiche da parte di esponenti laici e laicisti del mondo universitario e politico italiano a motivo dell’invito rivoltogli dall’ateneo romano di aprire l’intero anno accademico con una sua lectio, nello Stato dell’Indiana chi sta subendo pesanti critiche è invece Barack Obama. Questi, invitato ad aprire il semestre accademico in una delle più rinomate università cattoliche d’America, la Notre Dame University, si è visto riversare contro le ire di cittadini e docenti scandalizzati per il fatto che il prestigioso ateneo abbia invitato a parlare un presidente dichiaratamente pro choice sull’aborto e aperto alla ricerca sulle cellule staminali embrionali.
Dal basso, ovvero dal sito notredamescandal.com (un sito creato dalla Cardinal Newman Society, associazione che rappresenta 224 università e college cattolici americani), sono stati addirittura in 65 mila a firmare una petizione contro l’arrivo di Obama: 65 mila firme che chiedono apertamente che non sia il presidente degli Stati Uniti a tenere un pubblico discorso (il prossimo 17 maggio) in occasione della cerimonia di laurea e, insieme, che non sia lui a ricevere un diploma ad honorem come pare lo stesso ateneo gli abbia promesso.
A poco è servito un invito analogo che sempre la Notre Dame University – e sempre il 17 maggio prossimo -, ha fatto a Mary Ann Glendon, la bushiana ambasciatrice americana presso la Santa Sede la quale, quanto a tematiche inerenti l’aborto e la ricerca scientifica, è su posizioni diametralmente opposte a quelle di Barack. «È uno scandalo e un oltraggio – si legge sul sito web – che l’università di “Nostra Signora”, una delle migliori università cattoliche degli Stati Uniti, conferisca un tale onore al presidente Obama, considerato il chiaro appoggio del presidente verso quelle politiche e leggi che sono direttamente in contraddizione con l’insegnamento della religione cattolica sulla vita e il matrimonio».
Giorno dopo giorno le firme contro l’arrivo del presidente Usa stanno aumentando senza sosta. E, tra queste, anche quelle di alcuni vescovi e porporati. Fanno notizia, soprattutto, le parole del vescovo della diocesi di South Bend, John D’Arcy, il quale ha annunciato che non parteciperà alla cerimonia di laurea. Con una nota scritta, il presule ha reso noto di aver deciso, «dopo aver pregato molto», di boicottare la cerimonia dell’ateneo cattolico il quale viene invece invitato a domandarsi se con la sua scelta non abbia preferito «il prestigio alla verità». E ancora: «Il presidente Obama ha recentemente riaffermato e ora ha reso programma pubblico la sua, da tempo espressa, non disponibilità a considerare sacra la vita. Mentre afferma di volere separare la politica dalla scienza di fatto ha separato la scienza dall’etica e ha portato, per la prima volta nella storia, il governo americano a sostenere la distruzione di vite umane innocenti».
La posizione del vescovo di South Bend è condivisa dalla maggior parte dell’episcopato americano. Tra i vescovi degli Stati Uniti e Obama, infatti, la luna di miele non è mai cominciata. Il suo arrivo alla Casa Bianca è stato guardato con sospetto fin dai primi giorni successivi all’elezione, quando l’enclave di presuli statunitensi in forza alla curia romana, in scia alle opinioni espresse dalla conferenza episcopale Usa, aveva mantenuto una posizione di attesa non senza mostrare una certa preoccupazione. In una lettera ai responsabili dell’ateneo, invece, è stato Anthony J. Lauinger, il vice presidente del National Right to Life Committee, a definire Obama «il presidente dell’aborto» e a sostenere che l’invito sia «un tradimento alla missione dell’università e un’offesa a tutti quelli che credono nella santità e dignità della vita umana».
La Casa Bianca ha risposto con una nota nella quale ha ricordato che il presidente Obama accoglie con favore «lo spirito di dibattito e la sana espressione di pareri contrari riguardo a questioni importanti» ed è «onorato di aver il sostegno di milioni di persone di tutte le fedi religiose».
Due giorni fa lo stesso Obama è tornato sulla sua decisione a riguardo delle cellule staminali dicendo di non averla presa «alla leggera», ma dopo «un’attenta e difficile valutazione». «Credo – ha detto – che si tratti di una questione molto difficile». Parole, tuttavia, che non sono servite a placare l’onda dei 65 mila che oramai avanza inarrestabile.

di Paolo Rodari
il Riformista 26 marzo 2009