Montezemolo: il Robin Hood alla rovescia…

Diritti dei consumatori

MONTEZEMOLO pensionato d’oro: 32,5 milioni di euro in 10 anni


Ecco il grande difensore degli interessi nazionali e super-alleato di Prodi… Coraggio lavoratori!

Per conquistare l’agognata pensione i comuni mortali devono lavorare una vita mentre invece il pluripresidente, e stiamo parlando di Luca Cordero di Montezemolo che occupa quella carica, a Confindustria, Fiat e Ferrari, a soli 58 anni si è già assicurato una pensione d’oro da circa 32,5 milioni di euro. Egli avrebbe infatti sottoscritto una specifica clausola con la Ferrari secondo la quale, nel momento in cui il rapporto dovesse interrompersi, dovrebbe ricevere in 20 anni una somma che al decimo anno dal commiato dovrebbe essere uguale a 5 volte l’ultimo emolumento. E visto che la Ferrari lo scorso anno ha staccato un assegno da 6,484 milioni per il suo presidente ecco la cifra di 32,5 milioni che gli verrà data nei prossimi 10 anni se dovesse decidere di abbandonare quest’anno.
Come se questo non bastasse Montezemolo ha anche a disposizione un piano di stock option che gli dà la possibilità di acquistare fino alla fine dell’anno del 2010 un massimo di 184 mila azioni Ferrari al prezzo di 175 euro l’una. Ottantamila saranno però sottoscrivibili solamente nel caso in cui la Ferrari venga quotata in Borsa.
Insomma mentre da una parte il presidente della Fiat scende nell’agone politico, tanto che in più di un’occasione si è schierato a fianco del centrosinistra, dall’altra bada a farsi gli affari suoi proprio in barba agli operai della Fiat che magari vengono messi in cassa integrazione. Invece dovrebbe forse essere il primo a dare l’esempio riducendosi gli emolumenti.


La Padania [Data pubblicazione: 09/03/2006]