Marcia indietro sul buono scuola della Regione Liguria

Socialismo

La Regione Liguria cancella il buono-scuola

Ecco delinearsi la nuova politica pro-famiglia della sinistra


 

In Liguria il Comune di Sestri Levante ha inviato alle famiglie con figli in età scolare questa comunicazione: «Oggetto: Borse di studio a sostegno delle famiglie ex L. 62/2000 – Anno scolastico 2005/2006. La presente per informare codesta Famiglia che la Regione Liguria, in attesa di ridefinire il sistema dell’assistenza scolastica, ha annullato la circolare 03.02.2006 con la quale aveva avviato la procedura finalizzata all’erogazione del contributo Legge 62/2000 (Assegnazione borse di studio)».


Tradotto dal burocratese-politichese, il testo inviato dal solerte comune rivierasco significa che la Regione Liguria (governata dal diessino Claudio Burlando), che fino a due mesi fa aveva accettato la normativa della precedente Giunta Biasotti (di centrodestra) in tema di sostegno agli studenti, ha poi fatto marcia indietro rispetto alla sua stessa decisione. Nel frattempo migliaia di famiglie si erano attivate per sbrigare le pratiche ISEE (le certificazioni patrimoniali da allegare), e avevano diligentemente compilato e inviato le domande. Adesso il materiale prodotto è stato restituito: niente più borse di studio, e a quel paese le famiglie che avevano fatto richiesta.


Non sembra un buon esempio di correttezza politica, e nemmeno di intelligenza. Di norma le leggi non si cambiano in corso d’opera, ma nell’anno seguente, magari informando la cittadinanza in tempo. Qui non si tratta più di ciance, ma di fatti: non sembra proprio che questo tipo di intervento sia d’accordo con i proclami della Regione guidata dal governatore diessino Burlando, che predica il culto di equità, giustizia sociale e «tutela» delle famiglie disagiate.


Un’ultima considerazione: la decisione regionale del centrosinistra è evidentemente anteriore alla lettera inviata dal Comune (governato anche questo da una giunta di centrosinistra). La lettera della amministrazione locale di Sestri Levante è siglata in data 31 marzo 2006, è stata protocollata in data 8 aprile 2006 ed è pervenuta alle famiglie in data 13 aprile. I numeri parlano da soli: o l’efficienza dei nostri Enti locali è pari a zero (ma allora chiamiamoli Lenti Locali una volta di più), oppure questa lentezza non è dovuta solo alla inefficienza. Ce n’è abbastanza perché si affaccino alla mente dei pensieri maliziosi, quale ad esempio la scelta di comunicare una notizia così impopolare in data posteriore alle elezioni.


Faccio questa osservazione senza alcun intento polemico… Così, solo perché il cittadino rifletta. Anche se i giorni delle cabine elettorali sono appena trascorsi, c’è sempre modo di riflettere e valutare: la politica si fa giorno per giorno.


di Paolo Della Sala – 19 aprile 2006 
dellasala@ragionpolitica.it


ragionpolitica.it