Il patrimonio di Castro batte quello della regina d’Inghilterra

Dal mondo


“Un patrimonio da 900 milioni”


FIDEL CASTRO tra i potenti più ricchi


Il leader cubano è settimo nella classifica 2006 stilata da Forbes insieme agli sceicchi del Golfo e alle teste coronate europee…

NEW YORK – Con un patrimonio di 900 milioni di dollari, il presidente cubano Fidel Castro è uno dei dieci capi di stato più ricchi del mondo. Per la precisione, si piazza al settimo posto della classifica di “Re, regine e dittatori” più facoltosi stilata ogni anno dalla rivista finanziaria Forbes. Eppure il leader comunista, che compare in un elenco di principi arabi, petrolieri e teste coronate, continua a dichiarare con insistenza che il suo reddito è pari a zero.
Secondo quanto riportato da Forbes, però, le cose non stanno proprio così. Anzi: il patrimonio di Fidel è quasi raddoppiato, se si considera che l’anno scorso la stessa rivista gli aveva attribuito una fortuna personale di circa 550 milioni di dollari. Lui, naturalmente, aveva negato, ed era andato su tutte le furie: “Pensano che sia come Mobutu (ex presidente dello Zaire) o uno di quei miliardari, quei ladri e saccheggiatori che l’impero ha protetto?”, aveva detto commentando la classifica 2005. E aveva persino minacciato di portare in tribunale il periodico americano.
A chi obietta che è difficile, almeno in teoria, separare il patrimonio dello stato da quello personale, risponde la pratica, quella dei numeri e dei conti in banca. Secondo la rivista, Castro avrebbe il controllo economico di una rete di compagnie statale: tra le più redditizie, El Palacio de Convenciones, un centro che ospita convention, nei pressi di L’Avana, e Medicuba, azienda farmaceutica che vende vaccini e altri medicinali prodotti a Cuba. Alcuni ex ufficiali cubani affermano che Fidel Castro, che viaggia solo su Mercedes nera, abbia fatto scivolare una parte dei profitti sui suoi conti, che in molti sostengono si trovino al sicuro in Svizzera.
Fidel non è però l’unico dittatore nell’elenco dei più ricchi: con 700 milioni di dollari in tasca è seguito dal presidente della Guinea Equatoriale, Teodoro Obiang. “Possono anche dire che sono soldi del Paese”, sostiene uno dei direttori dell’associazione Human Right Watch, che da anni studia come l’amministrazione Obiang usa i guadagni derivati dal petrolio.”Sotto il governo Obiang, la ricchezza del Paese è diventata sostanzialmente il bancomat del presidente”.
Il petrolio resta, comunque, la principale fonte di reddito per i ‘paperoni’ del mondo: a conquistare le prime cinque posizioni della classifica sono re e sceicchi degli Stati del Golfo persico. Primo, il re saudita Abdullah, con una fortuna pari a 21 miliardi di dollari, seguito dal sultano del Brunei (20 miliardi) e dal presidente degli Emirati Arabi Uniti (19 miliardi). Tra gli europei, il principe del Liechtenstein, con ‘solo’ 4 miliardi di dollari e Alberto di Monaco (1 milardo). Solo in fondo alla classifica troviamo la regina Elisabetta d’Inghilterra e Beatrice d’Olanda: pur essendo titolari di fortune secolari, i loro patrimoni personali ammontano rispettivamente a 500 e 270 milioni di dollari.


La Repubblica (5 maggio 2006)