Ecco il segreto dietro la vittoria…

Socialismo

L’Arcigay: Cofferati è sindaco grazie a noi


Rieletto consigliere comunale di Bologna, il presidente di Arcigay Sergio Lo Giudice ha espresso soddisfazione per l’esito complessivo dei candidati e delle candidate omossessuali in questa tornata elettorale.

MILANO – Rieletto consigliere comunale di Bologna, il presidente di Arcigay Sergio Lo Giudice ha espresso soddisfazione per l’esito complessivo dei candidati e delle candidate omossessuali in questa tornata elettorale. Le 702 preferenze riscosse in proprio, sotto l’egida Ds, e le 242 andate all’esponente di Arcilesbica Nera Gavina (candidata da Prc), ha sottolineato, sono state un ottimo contributo alla marcia trionfale di Sergio Cofferati verso palazzo d’Accursio, così come le 423 del diessino Alessandro Zan, coordinatore della campagna nazionale “Un Pacs Avanti” e già portavoce del Pride nazionale di Padova nel 2002, e quelle di Nunzio Liso, portavoce regionale pugliese del coordinamento gay di Ds, lo sono state per spostare a sinistra Bergamo e Bari.
Omosessuale, ha sottolineato ancora Arcigay, sono anche il sindaco di Fiuminata (Macerata), il ds Claudio Mazzalupi, che ha vinto la corsa elettorale col 52% dei voti al primo turno, e Renato Sabbadini, responsabile nazionale Esteri di Arcigay, giunto primo nella lista dei Verdi a Bergamo, dove sarà ballottaggio tra i due poli.
Libero – 16 giugno 2004

I commenti sono chiusi.