Dichiarazione del card. Schönborn

Dal mondo

Il 9 aprile il sito dell’Arcidiocesi di Vienna ha pubblicato una Dichiarazione ufficiale del cardinale in seguito alle proteste sorte sulla presenza di “opere” blasfeme nel Museo diocesano di Vienna. Ad essa segue il commento del vaticanista Andrea Tornielli

 

Dichiarazione del Cardinal Schönborn

In riferimento alle discussioni sulla esposizione di opere di Alfred Hrdlicka nel museo diocesano di Vienna il Card. Schönborn dichiara.

Il museo diocesano di Vienna ha dedicato – sotto la responsabilità del suo direttore Bernhard Böhler – una mostra all\’artista austriaco Alfred Hrdlicka in occasione del ottantesimo compleanno dell\’artista. Hrdlicka e\’ uno dei più importanti artisti austriaci viventi. Come pochi altri si e\’ dedicato alla tematica dell\’uomo sofferente e maltrattato invitando alla "compassione" con la "Passione". Quella compassione la esprime in modo commovente nella sua opera. Le opere più conosciute in questo contesto sono "La danza macabra di Plötzensee" ed il grande memoriale dell\’Olocausto sulla piazza dell\’Albertina a Vienna. Per questo avevo dato il mio consenso ad una esposizione nel museo diocesano senza però conoscere dettagliatamente le opere da esporre.
Hrdlicka si e\’ occupato durante tutta la sua vita molto intensamente di tematiche bibliche, soprattutto della passione di Cristo. Hrdlicka dice di se stesso di essere comunista ed ateo. Ciononostante nutre un interesse rovente per la Bibbia e – sono le sue stesse parole – un grande desiderio della fede.
L\’esposizione non vuol dire che il museo diocesano si identifichi con tutte le opere di Hrdlicka. In talune opere non bada alla soglia del rispetto assoluto dovuto al sacro. Ci sono delle opere di Hrdlicka che dal punto di vista del credente devono essere respinte. Va da sè che mai avrei acconsentito all\’esposizione di opere di natura blasfema o pornografica. Mi dispiace molto che una immagine di questo carattere – alla mia insaputa – era esposta nel museo. L\’opera che ha ferito delle persone nella loro fede e\’ stata tolta su mia disposizione il 20 marzo.
Ciò nonostante ritengo un fatto positivo che artisti che non credono oppure che cercano ancora la risposta della fede si occupino di tematiche bibliche.
Christoph Kardinal Schönborn

www.stephanscom.at

 

Il commento di Andrea Tornielli

Cari amici, ho molta stima del cardinale arcivescovo di Vienna. E’ positivo che sia intervenuto per far togliere l’opera blasfema. Devo però dire francamente che mi sarei aspettato qualcosa di più nella sua risposta: vorrei ricordare, senza nulla togliere all’ “arte” di Hrdlicka (scusate le virgolette,  ma io sono artisticamente molto ignorante e al solo pensiero di quel quadro mi vien da vomitare) che stiamo parlando di una rappresentazione dell’Ultima cena, durante la quale Gesù istituì l’eucaristia, il sacrificio che si rinnova ad ogni celebrazione: raffigurarla come un’orgia gay – per di più motivando questo fatto con l’assenza delle donne sulla scena! – lo trovo ributtante. L’ “artista” si proclama ateo. Nessuno gli vieta di dipingere ciò che vuole e come vuole. Ma esporre quell’opera – come alcune altre presenti nella mostra – in un museo diocesano lo trovo un atto irresponsabile. E trovo pazzesco, scusate la franchezza, che i responsabili del museo diocesano non abbiano compreso l’assoluta sconvenienza di esporre scene così blasfeme in un luogo legato all’arcidiocesi. Nessuno nega che sia giusto confrontarsi con l’arte di chi non crede, nessuno afferma che solo un buon cattolico è anche un buon artista (ci mancherebbe!). Nessuno si scandalizza per un nudo (Michelangelo riempì il suo affresco nella Sistina si nudi, proprio sopra l’altare dove solitamente celebrava il Papa, successivamente “imbracati”, cioè coperti con veli e brache). Ma qui si parla di ben altro, si parla di un’orgia omosessuale con protagonisti gli apostoli! Il sottoscritto, come tutti voi che siete intervenuti nel dibattito, non avrebbe neanche appeso quel quadro. Sicuramente né io né voi diventeremo mai responsabili di un museo diocesano…

http://blog.ilgiornale.it/tornielli

Per saperne di più:

Museo diocesano di Vienna. Dichiarazione ufficiale del Cardinale

Museo diocesano di Vienna. Aggiornamento