Dati EURISPES e TELEFONO AZZURRO sui minori

Famiglia: politiche familiari

L’Eurispes svela il mondo segreto degli adolescenti

Luci e ombre sul mondo dei minori

Coccolati dai genitori; sicuri di sè; allarmati dalle guerre; contrari all’aborto e alla fecondazione artificiale ma favorevoli al divorzio, i ragazzi italiani confermano che la famiglia è per loro il principale valore. È il quadro generale che emerge dal quinto rapporto dell’Eurispes e di Telefono Azzurro sulla condizione in Italia dell’infanzia e dell’adolescenza, presentato ieri mattina a Roma.
Ecco alcuni dei dati più significativi, secondo una rilevazione, svolta nel maggio 2004 su un campione, che ha riguardato 80 scuole di ogni ordine e grado, di 6.276 fra bambini (7-11 anni) e ragazzi (12-19 anni).

RAGAZZE INDIPENDENTI, RAGAZZI MAMMONI – L’88,6% degli adolescenti sostiene che si può costruire un futuro migliore per tutti con l’impegno personale. Quasi la metà dei ragazzi (49,6%) immagina, una volta finiti gli studi o trovato un lavoro, di andare a vivere per conto suo. Il desiderio di indipendenza è maggiormente sentito dalle ragazze che dai ragazzi (51,3% contro il 47,9%). Il lavoro inteso come realizzazione personale e dei propri sogni interessa il 17,6% delle ragazze e il 16,4% dei ragazzi.
PAURA DELLE GUERRE – Il 58% dei giovani è allarmato dalla guerra e dal terrorismo.
LA FAMIGLIA IL PRIMO VALORE – Il 92,4% dei ragazzi vede nella vita familiare serena l’elemento di sicurezza maggiore. Il 60,6% dei giovani dice che nei momenti difficili i genitori ci sono sempre. Il 79,9% dei ragazzi prende le decisioni importanti insieme ai propri genitori e il 90,6% afferma che le loro richieste e desideri sono accolti. La famiglia è il principale luogo di riferimento: influenza le scelte politiche (37,9%), quelle religiose (38,5) e culturali (22,9%). Gli amici influenzano il modo di vestire (56,9%) e i rapporti con l’altro sesso (68,5%).
SICURI DI SÉ – Ben l’88,7% degli adolescenti si sente molto o abbastanza sicuro di fronte alle proprie scelte e l 80% ritiene che la stima altrui sia un fattore in grado di trasmettere molta (38,2%) o abbastanza ( 41,8%) sicurezza. L’amore rende molto (45,4%) o abbastanza (28,2%) sicuro il 73,6%.
LA FEDE IN DIO DÀ SICUREZZA MA IL DENARO ATTRAE – Il 57,3% dei giovani crede in Dio e ritiene che la fede possa essere un elemento di sicurezza. Tuttavia, il denaro è fonte di sicurezza per il 54%.
COMPORTAMENTI IMMORALI – L’85,5% degli adolescenti condanna il maltrattamento degli animali e il 78% ritiene grave il tradimento. Per il 69,4% è grave andare sul motorino senza casco e il 64,2% è critico nei confronti delle bugie così come ricorrere alle raccomandazioni per un lavoro (52,8%). È di scarsa importanza invece fingersi malati per non andare a scuola. Il 72,6% ritiene non grave l’acquisto di cd-videogiochi-film pirata.
SÌ AL DIVORZIO, NO ALL’ABORTO – È favorevole il 54,9% degli adolescenti ma il 49% è contrario all’aborto. Favorevole alla fecondazione artificiale il 40,2%.
LA TV È DIVERTENTE – Lo è per l 85,4%. Per il 77% è interessante e quindi è ottimo mezzo di svago.
I RISCHI DELLA RETE – Da un’indagine del Child internet risk perception, il 77% dei minori usa la rete. Il 23% chatta. Il 13% ha detto di aver incontrato on line un adulto, presunto pedofilo, con cui ha parlato di sesso. Nel 70% dei casi questi minori non hanno riferito la cosa ai genitori.
AUMENTANO I MINORI SCOMPARSITra il 2002 e il 2003 i minori scomparsi sono aumentati del 67,2%. Lo scorso anno le ricerche attivate per minori scomparsi sono state 1.552. La Lombardia ha il maggior numero di scomparsi (305), seguita dal Lazio (254) e dalla Campania (229). Sono 500 i minori contesi da genitori separati e in cui uno dei due vive all’estero.
IL MERCATO DEL SESSO
– Il 35% delle 50 mila donne straniere coinvolte nella prostituzione in Italia ha fra i 14 e 18 anni.
I BAMBINI NUOVI POTENZIALI CONSUMATORI – La pubblicità per questo pubblico occupa il 10% degli investimenti complessivi. Il giro di affari è di 105.000.000 di euro.
COME VEDONO LA SCUOLA – È una tappa obbligata per il 33,2%, è un importante luogo di socializzazione per il 28,6%. I maschi danno un giudizio più negativo rispetto alle femmine.
NEI SOGNI DI BAMBINI LA BALLERINA E IL MUSICISTA – Nel tempo libero i minori svolgono soprattutto attività fisica, in particolare giocano a calcio (50,7%) o a pallavolo (25,5%) e nuotano (23%). La soddisfazione maggiore si registra nella danza e nello studio di strumenti musicali: la ballerina e il musicista sono infatti le professioni che si ritrovano spesso nei sogni dei bambini. Solo un minore su 10 dice di annoiarsi.
GLI ADOLESCENTI SI RIUNISCONO AL BAR E A CASA – Dopo bar e pizzeria, i giovani si ritrovano a casa (39,8%). Il 60,7% degli adolescenti segue spettacoli sportivi dal vivo mentre le ragazze preferiscono il teatro (31,6%) e le mostre (46,2%).
LO SCOUTISMO È IN CRISI – Dal 1996 al 2004 gli iscritti all’Agesci, al Fse e al Cngei sono calati dell’8,4%.


La Padania [Data pubblicazione: 20/11/2004]