CINA: nuova ondata di persecuzione nonostante la diplomazia…

Socialismo

CATTOLICI IN CINA
Notizie dell’ultima ora


Nell’Hebei nuova ondata di persecuzione contro i cattolici


Mentre i rapporti tra Vaticano e Pechino sembrerebbero dare segni di miglioramento, nella regione dove maggiore è il numero di cattolici, vescovi e sacerdoti clandestini vengono costretti sotto la minaccia delle armi a iscriversi all’Associazione cattolica patriottica cinese (Chinese Catholic Patriotic Association), un’organizzazione a servizio del partito comunista per controllare i fedeli. Uno dei suoi scopi, fissato nel suo statuto, è quello di far crescere e fiorire una chiesa nazionale, staccata dal legame con la Santa Sede e quindi scismatica.

Pechino (AsiaNews) – Mentre si registra qualche segno di miglioramento nei rapporti fra Vaticano e Cina, il governo dell’Hebei ha lanciato una nuova campagna di persecuzione contro la Chiesa cattolica clandestina in tutta la regione. La campagna mira a far registrare tutti i cattolici, e soprattutto vescovi e preti, all’Ufficio statale per gli affari religiosi e a farli iscrivere all’Associazione patriottica. “Sembrano tornati – a giudizio di alcuni fedeli – i tempi della rivoluzione culturale, con l’intransigenza e la persecuzione”.
L’Hebei è la regione in Cina con la massima densità di cattolici (oltre 1,5 milioni), dove i cattolici clandestini (non riconosciuti dal governo) sono la forte maggioranza. La campagna è sostenuta dall’Ufficio affari religiosi e dalla polizia. Alcuni rappresentanti del governo hanno detto ai vescovi non ufficiali che “d’ora in poi tutto il clero, per distribuire i sacramenti, deve avere una speciale tessera concessa dal governo”. Il motivo di tutto ciò è – secondo tali rappresentanti – di unire la Chiesa clandestina e quella ufficiale che, in ubbidienza alle indicazioni della Santa Sede, tendono sempre di più a collaborare e unirsi. Molti vescovi della Chiesa non ufficiale hanno dato indicazione di partecipare all’Eucarestia con le comunità ufficiali. Fino a pochi anni fa una simile indicazione sarebbe stata impensabile.
Alle pressioni poliziesche nell’Hebei, i vescovi hanno risposto che loro possono accettare la tessera dal governo, ma è impossibile chiedere loro di unirsi a forza alla Chiesa ufficiale perché questo implica l’iscrizione all’Associazione patriottica. L’AP è un’organizzazione a servizio del partito per controllare i fedeli. Uno dei suoi scopi, fissato nel suo statuto, è quello di far crescere e fiorire una chiesa nazionale, staccata dal legame con la Santa Sede.
Il rifiuto dei vescovi a parteciparvi è dunque motivato dalla fede e dalla legge canonica. Nel braccio di ferro che ne è nato, i rappresentanti del governo minacciano la prigione per tutti.
I vescovi hanno chiesto ai rappresentanti del governo di lasciarli liberi di trovare loro stessi i modi e i tempi per costruire l’unità. I rappresentanti hanno risposto che essi vogliono l’unità adesso e non in futuro e hanno minacciato con le armi chi disobbedisce. Un vescovo si è sentito dire: Noi siamo comunisti, abbiamo fucili e siamo armati!”, proprio come, commenta, avrebbero fatto dei mafiosi.
Secondo molti fedeli dell’Hebei lo zelo di polizia e rappresentanti governativi si spiega solo con una ragione: se riusciranno a sbaragliare la Chiesa non ufficiale facendola rifluire nell’AP, riceveranno un premio dal governo centrale.
Ma vi è un’altra ragione nascosta: l’unità non viene realizzata dalla pazienza e dalla libertà delle comunità, ma imposta dall’esterno, lasciando intendere che per realizzarsi essa necessita sempre della forza di un Ufficio per gli affari religiosi e di un’Associazione patriottica. “Se noi ci uniamo da soli – dice un vescovo ad AsiaNews – loro perdono il lavoro e il salario perché non c’è più nulla da controllare”.
Mentre la Cina attende le Olimpiadi e progredisce nel XXI secolo, nell’Hebei la persecuzione ricorda ancora lo stile del Partito comunista degli anni ’50 sotto Mao Zedong; questi atteggiamenti stalinisti “fanno fare brutta figura al governo”, dicono i fedeli.
Se i vescovi saranno sbattuti in carcere, essi concludono, non ci resta che fare appello al mondo, come è stato fatto per quelli all’origine della campagna di AsiaNews, e accusare il governo dell’Hebei.

di Xing Guofang
AsiaNews, 27 Settembre 2005